mercoledì, Dicembre 7, 2022
HomeNotizie TeramoCronaca TeramoPoco personale nelle scuole teramane, "Andremo dal Prefetto"

Poco personale nelle scuole teramane, “Andremo dal Prefetto”

Con la presenza di Stefania Chiodi, responsabile nazionale FLC CGIL  del personale ATA, si è tenuta ieri un’assemblea sindacale in videoconferenza dei collaboratori scolastici, degli assistenti amministrativi e tecnici della provincia di Teramo. 

“Si è trattato di un’assemblea molto partecipata, nella quale sono stati affrontati i problemi dei diversi profili professionali ATA e sono state fatte proposte per migliorare le condizioni di lavoro, il reclutamento e le funzioni – fanno sapere dalla Flc Cgil Teramo – E’ stata l’occasione per discutere delle gravi carenze di personale presenti nelle scuole. In molte si rischia di non garantire il servizio in maniera adeguata per assenza di collaboratori scolastici. I pochi presenti non riescono a far fronte alla vigilanza, all’assistenza, al supporto alla segreteria. Mancano i requisiti minimi relativi alla sicurezza”.

E ancora: “Sono mesi che tanti dirigenti scolastici avanzano all’Ambito territoriale provinciale la richiesta di incrementare gli organici delle segreterie e dei collaboratori scolastici. Ma nulla si sta muovendo. I rischi che possa succedere qualcosa di irreparabile sono dietro l’angolo. I numeri del personale ATA assegnati alle singole scuole non consentono di potersi organizzare adeguatamente sia sul versante amministrativo sia su quello della vigilanza, dell’assistenza e della sicurezza. Nonostante i tanti adempimenti scaricati alle singole segreterie scolastiche (graduatorie, assunzioni, certificazioni titoli, previdenza e pensioni, progetti per i PON e per il  PNRR, ecc.), il personale resta molto scarso. Non sono stati rinnovati i cosiddetti contratti COVID, che hanno rappresentato un’importante boccata d’ossigeno alle scuole. Lo diciamo da tempo: è necessario un piano straordinario di assunzioni per coprire tutti i posti liberi, superando l’attuale normativa che penalizza il personale ATA. Queste risorse devono servire anche per le segreterie scolastiche, oberate di impegni sempre più gravosi e su cui ricadrà l’onere aggiuntivo di contribuire a realizzare diverse misure del PNRR e del PON scuola. L’Ambito territoriale provinciale continua a non dare risposte alle richieste delle scuole. Dall’assemblea sindacale di martedì 27 settembre è venuta fuori in maniera forte e decisa  la richiesta di proseguire la mobilitazione per rivendicare migliori condizioni di lavoro”.

Nei prossimi giorni è in programma di “organizzare unitariamente un presidio davanti alla Prefettura e di incontrare il prefetto per documentare le numerose criticità presenti nelle scuole della provincia”.

BREAKING NEWS PIU' LETTE

ARTICOLI SUGGERITI

RELATED ARTICLES