Mosciano, nuove luci a Led con il Progetto Paride

Mosciano. Parte la riqualificazione e l’efficientamento della pubblica illuminazione a Mosciano Sant’Angelo. Dalla mattina di lunedì, infatti, i tecnici della Ceie Power, ditta aggiudicatrice della gestione della pubblica illuminazione del territorio comunale, stanno operando sul territorio per sostituire le lampade attualmente in uso con quelle a tecnologia Led.

Contemporaneamente, saranno installati anche i sistemi di tele gestione dell’illuminazione in modo da poter controllare anche da remoto eventuali guasti e malfunzionamenti agli impianti. La sostituzione delle lampade è iniziata dalla zona industriale e, nei prossimi giorni, vedrà impegnati gli operai anche nelle altre zone del territorio comunale.

L’iniziativa si inserisce all’interno del progetto Paride, promosso dalla Provincia di Teramo e a cui il comune di Mosciano Sant’Angelo ha aderito nel 2014 divenendo anche capofila dell’ATS Costa Blu Sud, lotto di cui la ditta Ceie Power è aggiudicatrice dell’appalto.

“Il contratto stipulato con la Ceie Power prevede la gestione da parte loro della pubblica illuminazione per i prossimi 15 anni e avrà positive ricadute sia per quanto attiene l’efficientamento dell’intera rete che per la modernizzazione degli impianti” ha commentato Luca Lattanzi, assessore all’ambiente del comune di Mosciano Sant’Angelo che in virtù della sua delega alle energie alternative ha seguito da vicino l’intero iter.

La sostituzione delle lampade con quelle a Led permetterà di adeguare la pubblica illuminazione alle vigenti normative in materia di contenimento luminoso e risparmio energetico. Oltre alla sostituzione delle lampade, saranno messi a nuovo i quadri elettrici con un miglioramento anche nella linea, soprattutto in quelle zone che al momento, a seguito della recente nevicata, hanno problemi di illuminazione pubblica.

“Il progetto non si rivolge solo allo stato attuale, ma guarda al futuro. Abbiamo, infatti, già inserito in questa prima fase degli estendi menti che permetteranno di portare l’illuminazione pubblica in alcune zone al momento non servite. Inoltre, è prevista l’installazione di ulteriori telecamere di videosorveglianza collegate proprio all’illuminazione pubblica. La ditta ha 270 giorni di tempo per dare attuazione alla prima fase del progetto, estendi menti compresi: un tempo che considero ragionevole e che spero possa essere addirittura abbreviato” conclude Lattanzi.