Pescara: “Potature errate e pini secchi sulla riviera sud”

Pescara. “Cattive potature sulle tamerici della Riviera sud di Pescara e numerosi pini secchi nel Parco dei teatri D’Annunzio Flaiano”: le associazioni Co.n.al.pa. Abruzzo, Co.n.al.pa. Pescara Chieti, AIAPP LAMS e Pro Natura Abruzzo criticano il Comune di Pescara per “il degrado in cui versa il verde cittadino”.

“Le tamerici sono appena state potate con mano molto pesante”, sostengono le associazioni, “Un intervento senza criterio, senza seguire una scuola, che ha prodotto danni agli alberi e che non rispetta il regolamento comunale del verde del Comune di Pescara. Inoltre, buona parte dei pini d’Aleppo piantati sono secchi e nessuno si è degnato di procedere a cure o sostituzioni”.

“Gli interventi di cattiva potatura distruggono le piante portandole alla malattia e all’indebolimento”, incalzano gli ambientalisti, “Non era necessaria una potatura simile perché le chiome avevano ancora molto spazio attorno per svilupparsi senza dare fastidio e perché le piante erano sane e adatte alla salsedine marina. La meravigliosa fioritura di Giugno è uno spettacolo incantevole se avviene su tanti rami e solo chiome dense ed ampie fanno ombra in estate”.

“Sarebbe stato meglio concentrare gli sforzi economici sulle aiuole rimaste vuote, dove le tamerici negli anni sono morte e ripiantarne di nuove. Oppure sostituire i pini d’Aleppo in buona parte secchi che non fanno bella scena nel parco dei teatri D’Annunzio e Flaiano”, rilanciano le associazioni, secondo le quali, “la gestione del verde urbano deve essere affidata a professionisti validi del settore: è chiaro che la potatura è il modo più appariscente per mostrare ai cittadini che ci si sta occupando del verde urbano, ma questo approccio ha un senso quando parliamo di agricoltura, di vite, olivo e alberi da frutto, non quando si tratta di alberi che in città hanno tutt’altra funzione. Le chiome degli alberi di Pescara oltre a fare ombra, producono ossigeno, assorbono anidride carbonica e gas vari, catturano polveri e polveri sottili, ospitano biodiversità, mitigano le ondate di calore, assorbono con le radici l’acqua piovana, sono elementi strutturanti del paesaggio urbano”.

“Basterebbe quindi eseguire interventi mirati e specialistici, per migliorare le piante, curandone le malattie e per renderle belle e in salute. Questo dovrebbe essere lo spirito della corretta gestione degli alberi”, concludono i gruppi ecologisti, ricordando che “sia la legge 10 del 2013 che  il decreto del Ministero dell’Ambiente 63 del 10 marzo 2020 vieta tra l’altro le capitozzature e tagli drastici sulle piante”.