-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Pescara, inizia la consegna gratuita dei libri di testo

Ultimo Aggiornamento: sabato, 28 Ottobre 2017 @ 15:53

libroPescara. Se l’apertura delle scuole per molti sembra ancora un sogno da realizzare, a suonare la prima sveglia ci pensa l’amministrazione comunale: partirà infatti lunedì prossimo, 30 agosto, la consegna gratuita dei libri di testo ai 700 studenti delle scuole medie inferiori e superiori di Pescara aventi diritto per limiti di reddito.

Già prima di Ferragosto l’amministrazione comunale ha inviato a ogni famiglia la lettera per ufficializzare la data e il giorno in cui ciascun utente dovrà presentarsi alla libreria individuata attraverso un apposito bando per ritirare i propri testi per l’anno scolastico 2010-2011. Entro il prossimo 13 settembre l’intera procedura dovrà essere completata, permettendo un sereno rientro in aula. Intanto, l’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Pescara Roberto Renzetti guarda oltre e pensa già al vaglio della proposta presentata ieri dalla Commissione Politiche sociali e Pubblica istruzione in merito all’ipotesi di sostituire il rimborso alle librerie con il rimborso diretto agli utenti. “Terremo conto delle esigenze delle famiglie che certamente non possono attendere mesi per il risarcimento della spesa. E’ comunque evidente che qualunque novità, come già anticipato dal Presidente Di Pino, potrà essere valutata in prospettiva solo per i prossimi anni scolastici”, ha dichiarato Renzetti.
“Quest’anno con largo anticipo rispetto al passato siamo già in grado di consegnare i libri di testo gratuiti ai nostri studenti aventi diritto per limiti di reddito – ha spiegato ancora l’assessore -: parliamo complessivamente di circa 700 ragazzi per una spesa complessiva sostenuta dal Comune pari a 144mila euro”. Ogni giorno, verranno espletate 50 pratiche, individuate in ordine alfabetico. Non solo: l’intervento di sostegno allo studio non si chiuderà con questa prima fase. Sarà concesso a tutte le famiglie con un reddito basso dimostrabile attraverso il certificato Isee, ma che magari non hanno fatto in tempo a presentare la domanda rientrare nella graduatoria, beneficiando del rimborso: in sostanza per loro sarà sufficiente effettuare l’acquisto, anticipando temporaneamente la spesa, e quindi presentare la relativa fattura al Comune che al più presto erogherà il relativo rimborso. “Il nostro obiettivo è quello di supportare quelle famiglie che stanno vivendo una condizione di disagio e permettere ai loro ragazzi di frequentare la scuola con profitto, fornendo loro gli strumenti base fondamentali per seguire l’attività didattica”.

Monica Coletti

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate