-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Gran Bretagna, scuole distinguono tra italiani, siciliani e napoletani: è polemica

PUBBLICATO IN:
Ultimo Aggiornamento: venerdì, 27 Ottobre 2017 @ 18:50

L’assurda categorizzazione è apparsa nei questionari preparati da alcune scuole del Regno Unito; proteste dall’ambasciata italiana.

Nel Regno Unito c’è qualcuno che non ritiene gli italiani un unico popolo, caratterizzato dal comune riconoscimento in un’unica lingua, un’unica storia e un’unica cultura; al contrario, secondo una distinzione che si pensava superata da tempo, sarebbe necessario distinguere tra: italiani, italiani-siciliani e italiani-napoletani.

Fatto ancor più grave è che l’opinabile classificazione provenga dal mondo dell’istruzione di un avanzato paese occidentale; in particolare da alcune scuole dell’Inghilterra e del Galles, che nei propri questionari destinati ai genitori invitano ad indicare l’origine dei bambini scegliendo tra italiani, napoletani e siciliani.

La raccolta di dati circa l’origine dei bambini era in realtà finalizzata a garantire ai nuovi iscritti un supporto linguistico mirato per le proprie esigenze; un’iniziativa apprezzabile e dai chiari intenti inclusivi, ma la distinzione tra italiani, napoletani e siciliani ha urtato la sensibilità di alcuni genitori, che l’hanno interpretata come una discriminazione.

La vicenda è stata segnalata all’ambasciata italiana a Londra, che è intervenuta presso le autorità britanniche per richiedere l’immediata rimozione di tali categorizzazioni. “Si tratta di iniziative locali” ha dichiarato l’ambasciatore Pasquale Terracciano, “motivate probabilmente dall’intenzione d’identificare inesistenti esigenze linguistiche particolari e garantire un ipotetico sostegno. Ma di buone intenzioni è lastricata la strada dell’inferno, specie quando diventano involontariamente discriminatorie, oltre che offensive per i meridionali”.

Il Foreign Office, il ministero degli esteri inglese, ha preso atto della protesta proveniente dell’ambasciata italiana e si è impegnato a far cancellare dai moduli la categorizzazione incriminata.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,934FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate