-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Teramo, “Per il Pd” e Progressisti contro la perdita della Camera di Commercio

Ultimo Aggiornamento: domenica, 14 Gennaio 2018 @ 17:11

“RED Teramo” e “Per il Pd”, a distanza di diversi giorni dalla notizia, si schierano contro la perdita della sede della camera di commercio a Teramo dopo la fusione con L’Aquila.

“Si tratta di un ulteriore atto di spoliazione del tessuto sociale cittadino che prosegue – dicono -un processo lungo, univoco ed ininterrotto, che è già passato, solo per fare qualche esempio, attraverso l’individuazione della sede del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga nell’aquilano (anche in questo caso nonostante la maggior parte del territorio del Parco ricadesse nella nostra Provincia), l’accorpamento di tutti gli uffici della ex aziende pubbliche (Enel, Telecom) alle strutture dell’Aquilano o del Pescarese (nonostante per quanto riguarda l’Enel, la captazione delle acque fluviali della provincia di Teramo sia ben maggiore rispetto a quelle dei fiumi siti nelle altre province abruzzesi e senza che questo sacrificio ambientale abbia trovato una adeguata compensazione “politica”), o per la chiusura della sede cittadina della Banca d’Italia, o ancor prima della caserma degli Alpini di Teramo, mentre in altre province, che già avevano presidi militari, si aggiungevano nuove ed importanti strutture come la scuola sottufficiali della G.d.F”.

“Non si tratta di una questione di sciocco campanilismo, ma di una esigenza reale e oggettiva di riequilibrio dei territori abruzzesi non più rinviabile. Alla luce di tutto questo, il PD teramano e nello specifico le aree “RED” e “per il PD” rivendicano con forza la necessità di adottare immediate azioni volte a scongiurare questa scellerata scelta, chiamando a raccolta tutta la classe dirigente del PD teramano, il Deputato e l’Assessore Regionale eletti nel nostro collegio, i Consiglieri regionali, il Presidente della Provincia e i Consiglieri eletti, nonché tutte le altre forze politiche e sociali del teramano che vogliano condividere questa battaglia comune, per rivendicare politiche di riequilibrio dei territori che salvaguardino le legittime esigenze della provincia di Teramo e della sua popolazione e che riconoscano alla Città Capoluogo il ruolo che le compete nell’ambito della Regione e che per troppo tempo le è stato negato”

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,933FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate