Teramo, “Mesi di bollette gratuite per il Covid”, ma è una truffa

L’Associazione Robin Hood di Teramo rileva in questi mesi una crescita esponenziale delle truffe attraverso telefonate ingannevoli, anche utilizzando il Covid a pretesto.

“Oltre al filone ormai tradizionale quello del contratto in scadenza e l’ipotesi di un raddoppio dei costi e del passaggio obbligatorio al mercato libero, in questi giorni registriamo anche una triste speculazione quella riferita al Covid – dice il presidente Pasquale Di Ferdinando – Le offerte parlano genericamente di contratti con mensilità gratuite destinate ad agevolare la ripresa economica ed aiutare le famiglie in crisi, con la conseguente richiesta di un appuntamento per poter firmare la modulistica di adesione”.

E ancora: “L’unica arma in possesso dei cittadini utenti, non è solo quella di evitare la firma di nuovi contratti, ma anche quella di consentire la individuazione dei soggetti responsabili e farli sanzionare dall’Antitrust e dal Garante della Privacy. Solo in questo modo si può porre un argine a questo malcostume dilagante. Tale situazione porta ad un evidente atteggiamento di chiusura del cliente che è esattamente l’opposto della legge che ha consentito i contratti telefonici, nati per garantire una maggiore fluidità del mercato ed una corretta concorrenza. Il danno è evidente sia per i clienti finali ma anche e soprattutto per le aziende che hanno un beneficio immediato ma una evidente difficoltà nella acquisizione di fasce di mercato nuove. Una sorta di autogol”.

L’associazione Robin Hood chiede una collaborazione, quella di segnare i numeri telefonici oggetto di questi contatti e l’orario della telefonata alla mail consumatori.teramo@gmail.com.