Colledara, la riserva di Fiume Fiumetto diventa laboratorio per cinquanta giovani VIDEO

Cinquanta giovani diventeranno ambasciatori del cambiamento e protagonisti nella propria comunità grazie ad un finanziamento dell’Upi e al progetto “La sostenibilità in Comune”, presentato dalla Provincia di Teramo (capofila) in collaborazione con il WWF, l’Istituto Abruzzese per le aree protette, la cooperativa di comunità “Riscatto”, il Comune di Colledara.

Con la formazione attiva, anche attraverso laboratori di lavoro, i partecipanti apprenderanno conoscenze e competenze per coinvolgere la comunità e orientarla sui temi della sostenibilità e dell’economia circolare: obiettivo stimolare comportamenti sostenibili ma anche l’autoimprenditorialità nei settori dell’economia verde nelle aree interne.

Il coinvolgimento delle giovani generazioni è l’obiettivo principale di “azioneprovincegiovani”  bandito dall’Unione delle Province Italiane che ha assegnato al progetto teramano un finanziamento di oltre 31 mila euro. Il progetto è stato presentato questa mattina dalla consigliera delegata alle politiche giovanili, Beta Costantini, dal sindaco di Colledara, Manuele Tiberii, da Massimo Fraticelli del WWF; alla presenza di Raffaele Di Marcello del servizio pianificazione territoriale della Provincia.

Il progetto si sviluppa nel Comune di Colledara nella Riserva naturale ad interesse provinciale di Fiume Fiumetto. Il piccolo Parco si estende su un territorio di oltre 80 ettari (circa 4 km.) tra il torrente Sazza ed il Fosso San Paolo ed offre uno splendido connubio tra natura, arte ed architettura. Infatti proprio a ridosso del confine con l’area protetta sorge l’incantevole centro medievale di Castiglione della Valle, uno dei borghi più suggestivi della provincia teramana.

Per info e iscrizioni entro il 3 maggio, al seguente link: https://www.facebook.com/ProvinciadiTeramoAPG2020/