-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

L’Aquila soffre ma sbanca Arezzo all’ultimo respiro

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 27 Ottobre 2017 @ 18:36

AREZZO (4-3-1-2): Baiocco; Carlini, Panariello, Monaco, Sperotto; Gambadori, Capece, Feola (40? st Calabrese); Tremolada (31? st Ceria); Defendi (23? st Betancourt), Cori. A disposizione: Rosti, De Martino, Milesi, Madrigali, Masciangelo, Del Magro, Vinci, Pugliese, Mariani. All. Ezio Capuano.

L’AQUILA (3-5-2): Zandrini; Sanni, Maccarone, Anderson; Bigoni, De Francesco, Bensaja, Mancini M. (41? st Di Mercurio), Piva; Sandomenico (20? st Perna), De Souza (36? st Triarico).
A disposizione: Savelloni, Cosentini, Iannascoli, Stivaletta, Mancini A.. Alle.: Carlo Perrone.
ARBITRO: Provesi di Treviglio (Donvito di Monza – Rugini di Siena)
RETI: st 48? Bensaja.
Note – Spettatori: 2000 circa. Recupero: 2? + 4?. Angoli: 9 a 1 per l’Arezzo. Ammoniti: pt 26? Feola, 40? Piva; st 46? Betancourt, 48? Bensaja. Espulso: st 38? Piva per doppia ammonizione.

L’Aquila. Una gara di sofferenza e sacrificio ma alla fine grazie alla prodezza di Bensaja, al terzo minuto di recupero, i rossoblu tornano a casa con i tre punti che varrebbe la vetta della classifica, se non ci fosse la penalizzazione di un punto per il calcioscommesse, insieme alla Spal.

Prima pallagol per l’Arezzo: Capece su punizione mette al centro dove Cori fa da torre a Feola, anticpato sul più bello da Zandrini. L’Aquila risponde sempre su punizione: De Souza con un tocco sotto innesca Sandomenico che a tu per tu con Baiocco si fa ipnotizzare dal numero uno amaranto.
L’Arezzo sale in cattedra con il passare dei minuti, alza il ritmo e inizia a collezionare occasioni corner. Tremolada viene murato da un compagno sugli sviluppi di un corner, mentre Cori manca il bersaglio da buona posizione. Nel finale sfiorano il gol anche Cori e Defendi e ancora Tremolada. Il primo tempo si chiude a reti inviolate.

La ripresa incomincia come erano finiti i primi 45 minuti. Arezzo in avanti ma con meno intensità e quindi anche meno pallegol nitide. Le conclusioni di Tremolada e Cori ribattute dalla difesa, Feola colpisce in pieno la traversa da buona posizione, mentre Betancourt dopo aver conquistato il pallone davanti a Zandrini calcia fuori. Quando il pareggio sembra scontato arriva la magia di Bensaja che dalla distanza mette la palla all’angolino, battendo Baiocco. Grande festa per i rossoblu che conquistano, con sofferenza, la seconda vittoria consecutiva.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate