Difesa e intensità, gli Sharks asfaltano una pessima Urania Milano

Campionato A2 2019-20 FOTO Daniele Capone

SAPORI VERI ROSETO – URANIA MILANO 80-55

ROSETO: Mabor, Dincic 9, Giordano 4, Mouaha 6, L.Nikolic, Adeola, Rupil 10, Bayehe 12, Rodriguez 21, Ghirlanda, Pierich 2, M.Nikolic 16. Coach Germano D’Arcangeli

MILANO: Piunti 2, Pagani 2, Negri 3, Benevelli 8, Montano 12, Giardini n.e, Piatti, Lynch 4, Raivio 13, Sabatini 11. Coach Davide Villa

ARBITRI: Terranova, Dionisi, Capurro

Note: parziali 12-9, 31-28, 56-43, 80-55. Tiri da due Roseto 21/43, Milano 13/37. Tiri da tre 7/13, 6/20. Tiri liberi 17/21, 11/15. Rimbalzi 46 (32+14), 27 (20+7)

 

Più agevole del previsto il successo della Sapori Veri Roseto, che domina al PalaMaggetti contro l’Urania Milano, sconfitta 80-55.

La vittoria del quintetto di casa è il frutto di una grande intensità difensiva abbinata ad una serata disastrosa di buona parte dei ragazzi a disposizione di Villa. Gli Sharks abbandonano, almeno momentaneamente, l’ultima posizione in classifica.

Azioni particolarmente confuse nelle prime battute del match, con il solo Giordano che va a segno nei primi 2’ di gioco. Apprezzabile arresto e tiro vincente di Mitja Nikolic che permette a Roseto di mettere ulteriore fieno in cascina.  Dopo oltre 4’ l’Urania è ancora a secco e coach Villa chiama il primo time-out della gara sul 4-0. La sosta non dà buoni frutti e gli Sharks allungano ancora con Bayehe e con una tripla di Rodriguez, alla quale replica Montano che firma i primi tre punti ospiti dopo trecentocinquanta secondi di gioco effettivo. Il quintetto milanese col passare dei minuti inizia ad assottigliare a piccoli passi il divario ed al termine della frazione riduce il gap sul 12-9.

Milano riesce a mettere la testa avanti sul 12-13 ma sul capovolgimento di fronte Pierich regala il nuovo vantaggio ai locali. Bene Sabatini e Raivio nelle fila dell’Urania, mentre in casa Sapori Veri sono già tre i falli di Lazar Nikolic e Giordano. Prosegue la serie di sorpassi e controsorpassi, con gli ospiti che provano ad allungare sul +3 ma Roseto ribatte con cinque punti consecutivi di Dincic. Parità al 15’, 23-23. Ottimo l’impatto di Dincic sulla gara e gli Sharks provano una nuova mini fuga sul 27-23 che spinge Villa a chiedere un nuovo minuto di sospensione. Difese protagoniste e pessime percentuali di tiro per le due squadre. Milano torna a colpire con una tripla Benevelli. Si va all’intervallo con Roseto avanti 31-28. Nessun giocatore in doppia cifra dopo 20’.

Dagli spogliatoi rientrano meglio i biancazzurri. Primi due canestri di Mouaha alla ripresa delle ostilità. Si sblocca Lynch in casa Urania. 40-33 al 25’ dopo le triple di Montano e Rodriguez. Quarto fallo per Lazar Nikolic e Giordano. Sharks +10 grazie ad un 2+1 di Bayehe. La bomba del giovane Rupil regala ai ragazzi  di D’Arcangeli il 48-37 al 27’. I padroni di casa raggiungono quattordici punti di vantaggio, mentre alla fine del periodo il risultato è sul 56-43 grazie ad un sigillo allo scadere di Mouaha.

Non è giornata per l’Urania, che continua a litigare con i ferri avversari, complice la difesa asfissiante dei baby soldatini del “sergente” D’Arcangeli. Così Roseto, pur senza eccellere particolarmente in fase offensiva, estende sempre più il divario, che tocca le ventuno unità. 64-46 al 35’ dopo il 2+1 di Raivio, che corrisponde ai primi punti milanesi nella frazione conclusiva. Time-out a 3’27”dalla fine sul 68-46, con Roseto che ha ormai i due punti in tasca. Sharks +25 con una tripla di Rodriguez. D’Arcangeli concede scampoli di gara anche a Ghirlanda e Mabor. La Sapori Veri dilaga con un’altra bomba di Rupil e con Giordano in contropiede. A poco serve l’ultimo timbro nella gara di Raivio, che fissa il punteggio sul definitivo 80-55.