-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Basket, San Vendemiano ha vita facile al PalaMaggetti: la Rucker passa a Roseto

Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 21 Aprile 2021 @ 19:53

LIOFILCHEM ROSETO – BELCORVO RUCKER SAN VENDEMIANO 64-75 (18-16; 14-25; 17-20; 15-14)

ROSETO: Pedicone, Gaeta n.e, Valentini n.e, Di Emidio 5, Cocciaretto n.e, Sebastianelli 2, Palmucci n.e, Pastore 4, Amoroso 11,  Nikolic 6, Serafini 18, Lucarelli 18. Coach Tony Trullo

SAN VENDEMIANO: Tassinari 14, Vedovato 14, Durante 21, Siberna 2, Nicoli 4, Rossetto, Malbasa 9, Gatto, Bettiol, Verri 11. Coach Marco Mian

ARBITRI: Silvestri e Picchi

Note: tiri da due Roseto 15/32, San Vendemiano 18/33. Tiri da tre 7/28, 11/28. Tiri liberi 13/19, 6/8. Rimbalzi 33 (27+6), 38 (33+5)

 

La Belcorvo Rucker San Vendemiano passa meritatamente al PalaMaggetti, battendo la Liofilchem Roseto 64-75. Il quintetto di Mian prende il controllo del match nel corso del secondo periodo, amministrandolo senza troppi patemi e bloccando sul nascere ogni tentativo velleitario di rimonta rosetana.

Il primo canestro della gara lo firmano i padroni di casa con Aleksa Nikolic. Gli ospiti impiegano due minuti per riportare il risultato in parità. Dopo il nuovo vantaggio locale, Tassinari trova la bomba che vale il sorpasso per San Vendemiano; ci pensa Sebastianelli poco dopo a riportare avanti la Liofilchem.  9-7 Roseto al 5’ dopo l’insolita tripla di Serafini. I biancazzurri allungano sul +6 con Nikolic e Serafini, costringendo Mian a chiamare time-out. La pausa si rivela benefica per gli ospiti, che riescono ad arrestare gli attacchi avversari per circa tre minuti. Nel finale di frazione però c’è un nuovo tentativo di fuga rosetana, placata dalla tripla allo scadere di Durante. Il primo quarto termina così sul 18-16.

Roseto riesce a tenere la testa avanti fino al 13’, quando una nuova conclusione dalla lunga distanza di Tassinari regala la parità al quintetto veneto sul 23-23; il numero 0 della Rucker si ripete poco più tardi, mentre i ragazzi di Trullo continuano a litigare con i ferri, così al 15’ sono gli ospiti a condurre 23-26. La Liofilchem torna a segnare pochi secondi dopo con Serafini. Tassinari da tre è una sentenza, colpendo per la quarta volta e, coadiuvato da Malbasa, porta San Vendemiano avanti di otto lunghezze. I biancazzurri respirano con un 2+1 di Lucarelli, fin lì ancora a secco. L’ex Capo d’Orlando però, dopo un canestro di Vedovato, viene sanzionato con un fallo tecnico. Prima dell’intervallo, la Rucker fa anche in tempo a volare oltre la doppia cifra di vantaggio: il rientro negli spogliatoi è anticipato però da un timbro di Lucarelli. Il periodo si chiude sul 32-41.

Si riparte con i primi due punti del match di Andrea Pastore, realizzati dalla lunetta; dall’altra parte però ci pensa Nicoli a ristabilire le distanze. La bomba del +13 di Verri, sembra ferire nell’orgoglio Roseto, che prova a reagire con un siluro di Pastore ed altri due punti di Serafini; è ancora Verri da tre ad allentare gli entusiasmi dei ragazzi di casa. 39-49 al 25’. Lucarelli va a bersaglio da tre, ma San Vendemiano anche in questo caso è in grado di ribattere al colpo ricevuto. Time-out a 3’11”dal termine della terza frazione sul 42-53. Nuovo  parziale di 5-0 veneto firmato Giordano Durante e i veneti fuggono sul +18, perchè ci si mette anche Malbasa a complicare ulteriormente la vita alla Liofilchem, che sembra abbattersi definitivamente. Due liberi di Amoroso e un’altra bomba di Lucarelli accorciano le distanze nei secondi finali del terzo quarto, che termina sul 49-61.

Il punteggio rimane bloccato per due minuti, situazione che strizza l’occhio agli ospiti che poi trovano anche altri due punti con Tassinari.  Roseto impiega altri sessanta secondi per trovare il canestro con Serafini, che anticipa la tripla di Lucarelli che vale il 54-63 a 6’40”dalla fine. Più di qualcuno comincia a credere in una possibile rimonta biancazzurra ma al 35’ tornano dodici le lunghezze di vantaggio per la Rucker. La situazione peggiora un minuto più tardi per i padroni di casa, che devono capitolare per via di Durante, senza trovare nulla di buono in fase offensiva. 57-68 a 3’ dal termine dopo una pregevole iniziativa di Serafini. La parola “fine” al match viene sancita dalla tripla di Durante del 57-73 allo scoccare del 38’. Quello che accade nei successivi 120 secondi serve principalmente a modificare le statistiche personali dei ragazzi in campo, ma la vittoria  del quintetto ospite è già bella che decisa. Il match termina 64-75.

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate