Serie D Gir. F. Sangiustese-Vastese 1-2. Palumbo e Dos Santos ribaltano il vantaggio marchigiano NOSTRI SERVIZI

Buona la prima per Massimo Silva, all’esordio sulla panchina della Vastese dopo l’esonero in settimana di Marco Amelia. Gli aragonesi hanno vinto 2-1 al Polisportivo di Civitanova contro una Sangiustese che ha offerto una buona prova, soprattutto nel primo tempo.

Silva in soli 4 giorni di allenamenti ha rivitalizzato giocatori che erano finiti ai margini del progetto abruzzese quali Palumbo, Dos Santos, Vittorio Esposito. E non a caso hanno messo lo zampino sul successo in terra marchigiana. Sontuosa la prestazione di Palumbo, autore del gol del pari, dopo il vantaggio iniziale dei locali, mentre Dos Santos ha completato il sorpasso. Esposito è andato al piccolo trotto, ma quando si è acceso ha fatto vedere le sue straordinarie doti tecniche.

E solo un monumentale Chiodini gli ha negato la rete. La Sangiustese era partita bene mettendo in difficoltà la Vastese, costretta a scalare i due esterni di centrocampo, proponendo in fase di copertura una difesa a 5. Romano è stata una spina nel fianco degli ospiti, mentre il gol alla truppa di Campedelli è mancato di un soffio. Gli abruzzesi hanno impiegato più di un quarto d’ora a trovare le giuste contromisure. Una gara giocata a viso aperto dai rossoblù, nonostante la differenza tecnica tra le due squadre.

Il vantaggio della Sangiustese è persino meritato. Lo firma al 28’ Palladini al termine di una bella azione corale. Ma la gioia dura appena 100 secondi. Perché Palumbo poco dopo disegna una traiettoria imprendibile per Chiodini, con la palla che termina sul palo lontano. L’episodio che cambierà il volto alla partita arriva al 42’. Buonaventura rimedia il secondo giallo per un fallo tanto ingenuo quanto inutile.

La superiorità numerica regala ampi spazi alla Vastese che si piazza stabilmente a 3 dietro, con un secondo tempo in pieno controllo. Al 19 il gol del sorpasso. Pizzutelli calibra una punizione col goniometro per la testa di Dos Santos, sino a quel momento evanescente.

Il vantaggio spiana la strada agli ospiti che al 24’ mancano il tris quando Chiodini ci mette letteralmente la faccia al termine della serpentina di Vittorio Esposito. I cambi ordinati da Campedelli non produrranno pericoli dalle parti di Di Rienzo. Per lui solo ordinaria amministrazione mentre il finale è tutto aragonese. Per la Sangiustese arriva la quinta sconfitta consecutiva in casa. Il cammino verso la salvezza diretta appare ormai compromesso.