Il Chieti presenta la domanda di ammissione al campionato di serie D

Chieti. Il Chieti F.C. 1922 a r.l. comunica di aver depositato nella mattinata di oggi, presso gli uffici del Dipartimento Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti, la domanda di ammissione al Campionato Nazionale di Serie D 2020/2021 per società non aventi diritto.

A supporto dell’istanza è stata allegata tutta la più ampia documentazione richiesta dal comunicato ufficiale n. 117 del 25.06.2020 e, soprattutto, le somme economiche previste dallo stesso comunicato federale pari ad € 50.000,00.

La società, pertanto, ancora una volta ha ottemperato con largo anticipo ed in maniera dettagliata e precisa agli adempimenti richiesti dalle norme vigenti, dimostrando serietà e solidità finanziaria.

Rimane così in fiduciosa attesa per un esito positivo della vicenda.

Così il candidato sindaco Paolo De Cesare: “Esprimo vicinanza e sostegno alla società Chieti FC 1922 per aver formalizzato la domanda di ammissione al prossimo campionato calcistico nazionale di serie D.

Da tifoso che sin dai primi anni della propria adolescenza ha seguito sempre la squadra in casa ed in trasferta, non posso che complimentarmi con la dirigenza, e sperare in un riscontro positivo da parte della Lega Dilettanti, anche perchè la retrocessione “di ufficio” dello scorso campionato ha generato un senso di malumore diffuso in quanto il verdetto del campo avrebbe potuto decretare la salvezza per la squadra neroverde poichè mancavano da disputare otto partite.

Da cittadino ritengo lo sport amatoriale ed agonistico sia un veicolo unico di aggregazione e di formazione per i valori essenziali di una comunità.

Far disputare un campionato nazionale ad una squadra della Città, così come accade per altri sport come la pallacanestro, la pallavolo, il rugby, il softball, il calcio femminile, rappresenta anche un obiettivo ed un monito per l’Amministrazione Comunale che, nel perimetro delle proprie possibilità, deve essere sempre al fianco delle associazioni e delle società sportive, e dunque dei loro massimi dirigenti che spesso sacrificano tempo e denaro silenziosamente e senza riconoscimenti pubblici, per far si che il territorio cresca in visibilità, a beneficio del buon nome della Città.

Ahimè, tornando al discorso calcistico, ciò non è accaduto, tant’è che la Chieti FC 1922 ha giocato lo scorso campionato, unica squadra del proprio girone, sempre in trasferta, dal momento che lo Stadio Angelini, come tutti ormai sanno e possono constatare con i propri occhi, sta assumendo le sembianze di un rudere in abbandono e pieno degrado, e questo è merito della maggioranza così come dell’opposizione, rappresentate dai consiglieri comunali i quali sono ricandidati per le imminenti elezioni in tutti gli schieramenti politici tranne in quello che io rappresento.

Occorre risolvere immediatamente questo problema, e questa volta per davvero, altrimenti nel caso in cui riotterremo la serie D, la squadra continuerà a non poter avere tutti i propri tifosi, i quali rappresentano un valore fondamentale essendo il dodicesimo uomo in campo!”.