Coppa Italia, il Pescara la spunta solo ai rigori contro il Notaresco

Pescara: Del Favero, Elizalde, Scognamiglio, Asencio, Galano, Ventola, Riccardi, Fernandes, Maistro, Jaroszynski, Diambo. A Disposizione: Fiorillo, Radaelli, Bellanova, Bocic, Memushaj, Belloni, Capone, Busellato, Omeonga,  Ceter, Longobardi, Quacquarelli. Allenatore: Massimo Oddo.

Notaresco: Shiba, Bianciardi, Speranza, Marchionni, Frulla, Dos Santos, Banegas, Lattarulo, Blando, Di Stefano, Gallo. A Disposizione. Deamljia, Ghiani, Colombatti, Di Saverio, Antonacci, Massarotti, Mancini, Cancelli, Sorrini, Simoncini, Cesario. Allenatore: Massimo Epifani.

Il Pescara soffre in casa contro il Notaresco dell’ex Epifani, nel secondo turno di Coppa Italia.

All’Adriatico, la squadra di Oddo, in formazione “sperimentale”, non va oltre l’1-1 nei 90 minuti regolamentari contro la squadra teramana di Serie D. Il vantaggio biancazzurro, ottenuto grazie a Riccardi al 25’, viene annullato dal pareggio ospite di Banegas al 34’.

Gara ad eliminazione diretta, non bastano nemmeno i supplementari per trovare un vincitore, si va ai rigori. Capone e Cancelli sbagliano dal dischetto al terzo turno, Omeonga e Blando all’ottavo, al decimo sbaglia ancora Sorini e la vittoria è del Pescara