Vittoria contro il Livorno: Maniero tiene vivo il Pescara

Pescara (4-3-2-1): Fiorillo; Zappa, Drudi, Bettella, Balzano (65’Del Grosso); Memushaj, Palmiero (67’ Busellato), Kastanos (46’ Pucciarelli, 82’ Crecco); Clemenza (65’ Bruno), Bocic; Maniero. In panchina: Alastra, Farelli, Campagnaro, Elizalde, Scognamiglio, Melegoni, Borrelli, Pavone. Allenatore: Andrea Sottil

Livorno (3-5-2): Neri; Boben, Coppola, Marie Sante; Morelli (74’ Fremura), Awua, Luci (76’ Agazzi), Trovato, Seck (58’ Ruggiero); Haoudi (46’ Pallecchi), Murilo. In panchina: Ricci, Plizzari, Petri, Bellandi, Pecchia, Nunziatini, Porcino, Fremura. Allenatore: Antonio Filippini

Reti: 50’ Maniero

Arbitro: Ivan Robilotta di Sala Consilina (Cangiano-Saccenti/Paterna)

Ammoniti: Clemenza, Drudi, Kastanos, Palmiero, Coppola, Memushaj, Bocic

Il Livorno già retrocesso arriva all’Adriatico come una speranza per il Pescara di fare punti preziosi, per non dire indispensabili, in chiave salvezza. Sottil ancora senza lo squalificato Galano, piazza Maniero davanti a Clemenza e Bocic. Filippini, senza più pretese, schiera in attacco la coppia Haoudi-Murilo.

Gli abruzzesi partono con il gas a tavoletta e Clemenza, tra i più attivi, al 19’ cerca il secondo palo dal limite con un mancino che gira velenoso e sfila sul fondo accarezzando il legno. La squadra di Sottil ci crede ma è incredibile l’errore di Clemenza al 21’: Bettella non controlla sul dischetto il filtrante di Maniero, la palla sfila, Clemenza accorre dalla destra e calcia a porta vuota, ma la manda in curva. Sale in cattedra anche Memushaj, che tra il 30’ e il 35’ attenta due volte alla porta livornese, con il portiere Neri sempre pronto a distendersi. Ci prova anche Palmiero al 39’ con un missile da fuori, e Neri è ancora bravo a volare: meno bravo Zappa a non approfittare del primo controllo sbagliato dal portiere, che recupera in secondo tempo. Il primo pericolo portato dal Livorno, al 41’, è su contropiede: passaggi in verticale fulminei che portano Haoudi al tiro da dentro ma Bettella ci riesce a mettere la punta del piede e devia in corner. Intervallo.

Sottil torna in campo con Pucciarelli per Kastanos, Filippini con Pallecchi per Haouidi. Al 50’ il vantaggio biancazzurro: Memushaj lancia il contropide, Clemenza imbastisce per Pucciarelli che si porta dietro 3 uomini ma non tira, la mette dentro per Maniero che si ritrova la porta spalancata e la deve solo spingere in rete. 1-0.  Il resto della gara è perlopiù gestione, con Sottil che puntella il gioco con pedoni come Bruno e Del Grosso e porta a casa i suoi primi 3 punti in biancazzurro.

Una vittoria importantissima per il Delfino, ancor di più quella del Trapani sul Perugia che, ad oggi, viene scavalcato dagli adriatici. Sarà l’ultima giornata, a Verona contro il Chievo, a decretare il destino del Pescara.