In viaggio con Cityrumors: i luoghi e i racconti. Il Giardino d’Italia FOTO

Le sette meraviglie d’Abruzzo: ecco quali sono le “perle” della Costa Giardino.

Si trova in Abruzzo il Giardino d’Italia. Sette località balneari che si snodano da Martinsicuro a Silvi, in trenta chilometri di litorale, tutte in Provincia di Teramo.

 

Come arrivare. Facilissime da raggiungere sia in auto, attraverso l’Autostrada Adriatica A14, sia in treno che in aereo.

 

Cosa vedere. Il litorale nord della costa abruzzese è una delle mete preferite dalle famiglie per le vacanze estive. Lidi di sabbia, riserve naturali, spiagge attrezzate, piste ciclabili e pedonali, un mare pulito riconosciuto Bandiera Blu d’Europa e Bandiera Verde dai pediatri italiani. Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto, Giulianova, Roseto, Pineto e Silvi punteggiano questo tratto di Mare Adriatico ciascuna con le sue peculiarità.

 

Martinsicuro. Ai confini con le Marche, è un famoso centro balneare dalle origini antiche testimoniate dalla Torre eretta da Carlo V in difesa della città. Qui stabilimenti balneari si alternano a ville e alberghi, mentre, lungo il tratto di spiaggia libera, si estende l’area del biotopo costiero, scrigno di rare specie floristiche e faunistiche, oltre a 40 specie botaniche autoctone e spontanee.

 

Alba Adriatica. La più rinomata, una piccola “Rimini” della costa teramana. Conosciuta come la Spiaggia d’Argento per la bellezza del suo litorale è la meta ideale per chi vuole una vacanza all’insegna del divertimento. La cittadina offre anche una lunga pista ciclabile, che la collega alle vicine Martinsicuro e Tortoreto, oltre a spiagge attrezzate.

 

Tortoreto. Fondali bassi, sabbia finissima, un borgo medievale che si affaccia dalle verdi colline. E poi la lunga pista ciclabile, i tanti stabilimenti balneari, eventi e manifestazioni culturali e sportive che ne caratterizzano la stagione e ne fanno una rinomata località turistica.

 

Giulianova. Centro balneare attrezzatissimo che offre anche campeggi e villaggi. Di grande interesse il Porto Turistico caratterizzato dai caliscendi del Molo Sud, utilizzati per la pesca, e che rendono la passeggiata fino al faro suggestiva, soprattutto all’alba o al tramonto.

 

Roseto degli Abruzzi. In assoluto tra i lidi più belli. E se anche qui è possibile trovare sabbia fine, fondali bassi e lidi attrezzati è possibile anche raggiungere un punto di spiaggia incontaminata denominata Riserva naturale del Borsacchio caratterizzata da dune, macchia mediterranea e acqua cristallina.

 

Da questo punto in poi la natura inizia ad essere più rigogliosa con fitte pinete che giungono fino all’area marina protetta della Torre del Cerrano.

Siamo arrivati nella bella Pineto. Qui si trova l’unico parco marino d’Abruzzo e del centro Italia. Il nome di questa località deriva dalla presenza della fitta pineta litoranea che separa l’abitato dalla spiaggia. Ma Pineto ha anche un altro posto immerso nel verde, il Giardino delle Ninfee un angolo suggestivo, ideale per le famiglie. Qui sarà possibile rilassarsi all’ombra di un salice tra tartarughe e colorate ninfee.

 

 

Siamo così arrivati a Silvi. Ultima tappa del nostro viaggio, ai piedi delle colline di Atri e Città S. Angelo. Sei chilometri di costa sabbiosa, ideali per una vacanza all’insegna del relax e del confort offerto dalle attrezzate strutture ricettive. Silvi è la più vicina a Pescara e per questo anche la più facilmente raggiungibile, sia in auto che in treno ma per i più lontani anche in aereo.

 

Fate buona strada.

 

Valentina Fratò