Sanità abruzzese, Paolucci: la mancanza di scelte ci costa 13 milioni

“Per la prima volta dopo oltre 10 anni le perdite accumulate nel 2019 dalla sanità abruzzese sottraggono risorse allo sviluppo. Parliamo di perdite riscontrate dalle gestioni delle ASL, pari a oltre 60 milioni di euro”, avvisa il capogruppo Pd in Consiglio regionale Silvio Paolucci.

 

Si tratta di una cifra enorme, sottolinea l’ex assessore regionale alla Sanità che da tempo lamenta la mancanza di una governance amministrativa oltre che politica da parte della Regione: “Una somma che per essere completamente coperta avrà bisogno di 13 milioni di euro dal bilancio della Regione, che verranno sottratti al nostro sistema economico. Inoltre per il 2020, considerata l’assenza di atti di programmazione e indirizzi che da un anno a questa parte denunciamo, sarà anche peggio. La verità è che gestione della sanità di questo centrodestra a trazione Lega è così lenta e ferma – incalza Paolucci – da invertire la rotta della storia amministrativa più recente.

 

Non era mai accaduto né nella legislatura Chiodi che in quella D’Alfonso che il comparto della sanità non riuscisse a coprire con le risorse del Fondo Sanitario Regionale i costi delle prestazioni. Certo non è il momento di fare polemiche, ma allo stesso tempo è necessario suonare un campanello d’allarme per evitare che si crei un abisso, considerata anche la congiuntura che stiamo vivendo. La questione “coronavirus” non ha implicazioni a riguardo, perché non incide sul 2019 e in secondo luogo perché l’analisi della gestione interna per il 2020 è in grado di tener ben distinti i costi legati all’emergenza da quelli del funzionamento del sistema, al netto di quanto sta accadendo.

 

Il punto è invece che la gestione dell’anno corrente, senza contare l’emergenza sanitaria, si presenta con costi interni crescenti, senza che ci sia stata una sola scelta di programmazione, senza Governance e senza investimenti. Così il deficit può solo crescere. Infatti a ormai più di un anno dall’insediamento, questo governo regionale non ha fatto scelte: non ha completato nemmeno la governance aziendale, in effetti nessuna delle 4 Asl ha un management perfezionato con le figure previste dalla 502; non c’è strategia sugli investimenti e la struttura dell’Assessorato è fortemente svuotata, il programma 2019/2021 forse si approverà alla fine del 2020! E’ necessario muoversi e decidere, stare fermi è un costo economico e sociale per una regione che aveva riacquistato, anche sulla sanità, equilibrio e credibilità”.