- EVO -

Referendum eutanasia legale: in Abruzzo raccolte oltre 10mila firme

- SIDEBAR 1 -
- EVO -
Ultimo Aggiornamento: lunedì, 23 Agosto 2021 @ 22:24

Sono oltre 10.000 le firme raccolte presso i tavolini tenuti in ogni  parte d’Abruzzo da luglio fino a oggi. Oltre 300 volontari tra  autenticatori, volontari e organizzatori.

 

Un tema che ha mosso tutte le  coscienze, dai più giovani, spesso trattati come “gioventù bruciata”, ai  più anziani. “Il bello di questa campagna” afferma Riccardo Varveri,  coordinatore regionale per la raccolta firme “è respirare politica  quotidiana, civica e cittadina, quella fatta di persone, di sorrisi, di  sguardi e di storie”. Un Abruzzo che ha risposto presente sul tema dei  diritti civili, sulla libertà individuale “nonostante molte resistenze  vi siano ancora.

 

Dico sempre, non può esistere una posizione contro: si  può essere contro per se stessi, non si può essere contro le scelte che  altri individui fanno sul proprio corpo. Sembrerà controintuitivo, ma la  battaglia per l’eutanasia legale è una battaglia per la vita: dignitosa,  fino alla fine”.

- EVO -

In Italia il traguardo delle 500.000 firme a metà agosto era già stato  raggiunto, importante è stata anche la spinta della firma digitale. Dal  1984, quando fu proposta per la prima volta in parlamento una legge per regolamentare l’eutanasia, sono trascorsi 37 anni.

L’immobilismo  parlamentare ha spinto l’Associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, Mina  Welby, Filomena Gallo, dopo anni di disobbedienza civile e  sensibilizzazione sul tema, a proporre un quesito referendario  abrogativo. “L’eutanasia è un diritto civile. Il risultato è incredibile: 500.000 firme in un mese e mezzo. La volontà popolare è  chiara: il parlamento non osteggi questa battaglia di civiltà”.

-- ALTRE NEWS 0 --
-- ALTRE NEWS 1 --
- SIDEBAR 2 -

Latest articles

- SIDEBAR 3 -
Error decoding the Instagram API json

Notizie Correlate