-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Pensionato abruzzese accoltellato a morte dalla domestica

PUBBLICATO IN:
Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 24 Novembre 2021 @ 22:29

Ucciso in casa a coltellate dalla collaboratrice domestica, al termine di una lite.

 

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Novara agli ordini del Tenente Colonnello Sandro Colongo hanno risolto nel giro di poche ore l’omicidio di Antonio Amicucci, il 68 anni trovato morto questa mattina a Novara nella sua abitazione di via Andoardi, nel quartiere di Sant’Andrea.

 

Fermata, dopo alcune ore di interrogatorio, la domestica di 51 anni: al culmine di un litigio, per cause che dovranno ora essere accertate dai carabinieri, ha colpito la vittima con un coltello da cucina, diverse volte, poi è fuggita tirandosi dietro la porta e trovando rifugio da una vicina di casa dell’uomo. Dove ha atteso l’arrivo dei militari.

A dare l’allarme questa mattina erano stati alcuni vicini, preoccupati per le urla e i rumori provenienti dall’appartamento al secondo piano dello stabile dove il 68enne viveva da solo. In casa c’era solo un cane, un pastore maremmano di 60 chili che sembra l’uomo accudisse durante la giornata per conto di alcuni conoscenti.

Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco, che hanno sfondato la porta regolarmente chiusa e senza segni di effrazione, e i soccorritori del 118, che hanno potuto solo constatare il decesso del 68enne.

In via Andoardi è arrivato anche il procuratore di Novara, Giuseppe Ferrando, e sono iniziati gli accertamenti dei carabinieri. Amicucci, originario dell’Abruzzo, è stato definito dai vicini di casa come una persona gentile ma riservata, che dava confidenza a poche persone. La collaboratrice domestica, di origini albanesi ma da oltre vent’anni in Italia, è residente nello stesso quartiere; sposata, e con figli, lavorava da almeno tre anni in quella casa.

Accompagnata in caserma sotto choc, dopo un lungo interrogatorio alla presenza del pm Giovanni Castellani, ha confessato di aver ucciso l’uomo. Ma non ha spiegato i motivi della lite sfociata nell’accoltellamento.

Per lei è scattato l’arresto. L’arma del delitto, trovata sul pavimento accanto al cadavere, è stata sequestrata. La donna si trova ora nel carcere di Vercelli e nelle prossime ore dovrà di nuovo essere interrogata. Gli inquirenti devono infatti dare  una ragione a una violenza così grande e inaspettata.

 

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate