Lavoro, approvato emendamento per il passaggio dei dipendenti di Euroservizi ad Abruzzo Engineering

“E’ stato approvato l’emendamento al progetto di legge 116, a nostra firma, e condiviso con l’assessore Guido Liris, che prevede la copertura finanziaria per l’acquisizione da parte di Abruzzoengineering, società in house della Regione, dei nove dipendenti della Euroservizi Spa, società in stato di liquidazione”.

 

Lo rendono noto il capogruppo ed il consigliere di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale, Guerino Testa e Mario Quaglieri e l’assessore Liris, a margine della discussione odierna, in Commissione Bilancio, della pdl 116  “Disposizioni contabili per la gestione del bilancio 2020/2022, modifiche ed integrazioni a leggi regionali ed ulteriori disposizioni urgenti ed indifferibili” del 23/04/2020. “Un’operazione resa possibile in virtù delle funzioni trasferite dalle Province alla Regione- spiegano Testa e Quaglieri – e che consentirà il trasferimento, in seno ad Abruzzoengineering, di specifiche competenze che diversamente sarebbero venute meno a causa dell’inevitabile licenziamento.

 

La Euroservizi – ricordano – società partecipata dalla Provincia dell’Aquila, nata nel 2016, ha svolto importanti funzioni di front-office del Genio Civile e del Dipartimento Speciale Risorse, Sviluppo e Supporto per le attività di protocollazione elettronica, scansione e archiviazione ottica dei documenti ed in generale per il supporto amministrativo, e dalla nomina del commissario liquidatore è iniziato un lungo iter per tutelare le 9 professionalità. Oggi riusciamo a garantire la certezza del lavoro ai nove dipendenti con la copertura, per tre anni, dei relativi oneri”. Grande soddisfazione viene espressa dall’assessore Liris, da sempre in prima linea sulla vicenda per salvaguardare i dipendenti della Euroservizi.

 

“Finalmente la soluzione per il futuro di questi lavoratori trova il giusto epilogo dopo l’annosa storia che procede a stenti dal 2015 – commenta – e grazie all’emendamento odierno , che vede un impegno di spesa pari a 280 mila euro, possiamo dichiarare salvati 9 posti di lavoro. Un risultato importante per la città dell’Aquila e per la Regione Abruzzo , anche e soprattutto – conclude Liris –  in questo complicato momento in cui la crisi economica è destinata a riacutizzarsi a causa dell’emergenza sanitaria”.