L’anno scolastico riparte dalla natura: settimana di educazione ambientale del WWF in Abruzzo

Un corso di formazione per insegnanti, itinerante tra i Centri di Educazione Ambientale (CEA) WWF e le Oasi WWF in Abruzzo.

 

È questa la proposta dell’Associazione del Panda per l’avvio dell’anno scolastico: una settimana, dal 3 al 10 settembre, all’insegna della formazione e della natura. Il ritorno tra i banchi è ormai imminente e la ripartenza è caratterizzata da dubbi e incertezze sul futuro a causa dell’emergenza Covid. Le riflessioni nei mesi scorsi hanno fatto emergere con forza e con chiarezza come il rapporto rispettoso con l’ambiente sia fondamentale non solo per la conservazione del patrimonio naturale, ma anche per il nostro benessere e la ripartenza non può che essere caratterizzata da un ripensamento dei nostri stili di vita e da scelte quotidiane più sostenibili.

 

Per questo il WWF propone a inizio anno scolastico un approfondimento e un momento di formazione per gli insegnanti e per gli operatori dei CEA, che hanno un ruolo centrale nell’educazione dei ragazzi e dunque, di riflesso, su tutta la società. “I corsi saranno organizzati nei Centri di Educazione Ambientale WWF della nostra Regione, spesso ospitati all’interno di Riserve Naturali Regionali e Oasi WWF – dichiara Filomena Ricci, delegato del WWF Abruzzo – Le tematiche vanno dalla scoperta delle erbe selvatiche e del mondo delle api, alla conoscenza delle aree protette, alla riflessione sulla convivenza con i grandi mammiferi, sui cambiamenti climatici e sulla produzione e consumo nel nostro quotidiano. Le metodologie sono quelle che il WWF utilizza nelle sue azioni formative: le attività laboratoriali, l’approccio ludico e dell’imparare facendo, la messa in campo delle competenze degli alunni.

 

Gli interventi didattici che si propongono mirano a stimolare nei ragazzi l’osservazione del mondo che li circonda, partono dalle loro esperienze concrete e li invitano all’individuazione e all’adozione di soluzioni personali e praticabili. Si tratta inoltre, e nell’attuale contesto non è cosa di poco conto, di proposte didattiche che si possono sviluppare anche al di fuori delle aule”. Ai docenti e alle scuole è stato inviato un documento con le informazioni sulla settimana dell’educazione ambientale e sui corsi proposti, ma anche sulla rete territoriale del WWF, la cui struttura educativa è diffusa in tutta la regione. Il materiale e le informazioni per prenotare la partecipazione ai corsi possono essere richiesti all’indirizzo abruzzo@wwf.it

 

La presenza del WWF in Abruzzo è caratterizzata da 7 Centri di Educazione Ambientale (Oasi di Penne; Cortino nel Parco Nazionale Gran Sasso e Montidella Laga; Oasi di Atri; Oasi di Anversa degli Abruzzi; Oasi di Borrello; Oasi di Serranella; Oasi di Martinsicuro); un Centro di Documentazione Ambientale a Teramo con oltre 2.500 libri e riviste su tematiche ambientali e naturalistiche; il LAPISS, Laboratorio per le Aree Protette e lo Sviluppo Sostenibile di Penne nato dalla collaborazione tra WWF, Regione, Comune, Federparchi e Coop. Cogecstre. Le quattro strutture di volontariato (Abruzzo Montano; Chieti-Pescara; Teramo; Zona Frentana e Costa teatina), al pari dei Centri di Educazione Ambientale, oltre allapartecipazione a eventi nazionali WWF con attività di sensibilizzazione rivolte in particolare agli studenti (Earth Hour, Festa delle Oasi, Urban Nature), svolgono iniziative di formazione, anche su richiesta e attraverso contatti diretti con le scuole, su tematiche di interesse generale.

 

Il WWF è accreditato dal Ministero dell’Istruzione come Ente di formazione docenti: ai partecipanti ai corsi saranno consegnati attestati di presenza. Da oltre 40 anni il WWF è impegnato nelle scuole per diffondere nei ragazzi l’amore per l’ambiente il cui vivono e il rispetto per tutte le specie viventi, attività per le quali ha ricevuto molteplici riconoscimenti. Negli anni sono stati oltre un milione e 250mila gli alunni che hanno utilizzato i nostri programmi didattici mentre oltre 15.000 insegnanti che hanno scelto i nostri percorsi educativi.

 

Quasi 4.000 ogni anno sono infine le classi che adottano i programmi WWF. Alla conferenza stampa, accanto al delegato regionale Filomena Ricci, hanno partecipato in rappresentanza della rete territoriale WWF: Nicoletta Di Francesco, presidente del WWF Chieti-Pescara, Carlo De Laurentis, presidente dell’Associazione Istrice che si occupa di educazione ambientale nel CEA dell’Oasi WWF dei Calanchi di Atri e Damiano Ricci, referente del CEA Bellini dell’Oasi WWF di Penne.