Il viaggio è una cosa seria: campagna delle agenzie contro gli abusivi

“In questo periodo così delicato ci sembra opportuno sensibilizzare le persone ad affidarsi solo alle agenzie regolarmente costituite dicono i membri del direttivo  delle agenzie di viaggio indipendenti”: Erminio di Cioccio, Annalisa de Luca , Emanuela Placido e Patricia Parisi inoltre siamo a ribadire a tutela dell’ intera categoria che: per svolgere l’attività di organizzazione di un viaggio è quindi obbligatoria la licenza di agenzia di viaggio.

 

Dal punto di vista fiscale l’organizzazione e la vendita di pacchetti turistici rientrano nell’applicazione del regime speciale IVA 74 ter pertanto solo le agenzie di viaggi sono autorizzate ad emettere regolare fattura ed incassare le quote per l’organizzazione di viaggi. Tutti gli altri soggetti (associazioni, parrocchie, enti pubblici e privati , cral ,circoli non sono in regola né con la normativa del contratto di viaggio e relative responsabilità, e né tanto meno con il fisco.

 

Chi dunque decide di improvvisarsi agente di viaggi senza una regolare licenza è soggetto a delle gravi  conseguenze penali ,fiscali e legali. Invitiamo tutti i viaggiatori che acquistano un viaggio a richiedere sempre il contratto e la licenza di viaggio. La nostra azione si concretizzerà con controlli stringenti attuati su tutto il territorio regionale ma anche e soprattutto su internet, al fine di individuare e stanare gli abusivi che offrono i propri servizi anche online.

 

Inoltre, nei prossimi mesi attiveremo dei protocolli d’intesa con le forze dell’ordine, comuni, regione  e province al fine di porre rimedio a questo fenomeno che danneggia la professionalità e la credibilità dell’intera categoria.