Coronavirus, i consiglieri regionali si tagliano le indennità per acquistare respiratori

Tutti i consiglieri regionali d’Abruzzo si tagliano l’indennità mensile di carica per destinare la quota raccolta all’acquisto di almeno 10 respiratori da assegnare agli ospedali abruzzesi. Lo hanno deciso i Capigruppo accogliendo la mia richiesta.

 

Questo è il momento per dimostrare la nostra vicinanza concreta, non solo istituzionale, all’Abruzzo che con l’aiuto di tutti supererà anche l’attuale emergenza che riguarda tutto il Paese e deve dunque vederci tutti partecipi e attivamente coinvolti”. Lo ha ufficializzato il Presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri. “In questi giorni febbrili i nostri uffici stanno moltiplicando i propri sforzi e il proprio lavoro con un occhio attento al comparto Sanità, ovviamente, all’economia locale in tutte le sue sfaccettature e alla popolazione – ha ricordato il Presidente Sospiri -.

 

Noi amministratori non possiamo essere da meno rispetto a chi, nonostante la paura, la stanchezza, i timori, le preoccupazioni, e le notizie che pure rimbalzano da una parte all’altra del mondo, continua a vivere l’emergenza coronavirus in prima linea, toccando la malattia ogni giorno con le proprie mani, mettendo a rischio la propria stessa vita, ma pure senza demordere un solo secondo, con il solo obiettivo di salvare i propri pazienti. E uno dei modi che abbiamo per concretizzare il nostro supporto è quello di mettere a disposizione anche le nostre risorse: su mia richiesta i Capigruppo regionali hanno disposto unanimemente che, a partire da aprile, verrà operato un taglio mensile del 10 per cento sull’indennità di carica di tutti i consiglieri regionali sino a raggiungere la somma di 250mila euro che verrà destinata all’acquisto di almeno 10 respiratori che sono vitali per i pazienti colpiti in maniera più grave dal coronavirus perché permettono loro di uscire dalla fase acuta, aiutandoli a respirare quando i loro polmoni non ce la fanno da soli, sino a debellare il virus e riacquistare piena autonomia.

 

Nel frattempo continueremo a lavorare al fianco di tutti i nostri operatori sanitari pronti a supportare altre necessità. Ovviamente ringrazio personalmente tutti i consiglieri regionali per la grande sensibilità dimostrata”.