Consiglio regionale, Davide Calcedonio Di Giacinto designato del Cda dello Zooprofilattico

E’ l’avvocato atriano Davide Calcedonio Di Giacinto il designato a ricoprire il ruolo di componente nel Consiglio di Amministrazione dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale”.

 

La votazione è avvenuta nell’odierna seduta del Consiglio regionale. In aula erano 16 i consiglieri regionali presenti che hanno preso parte alla votazione con il seguente risultato:  12 voti sono andati a Di Giacinto, 2 schede sono risultate nulle, 2 schede sono risultate bianche. Di Giacinto è quindi risultato designato con 12 voti favorevoli e la sua nomina spetterà al Presidente della Giunta regionale Marco Marsilio. Rinviata al prossimo Consiglio regionale invece la nomina a Garante dell’Infanzia dell’avvocato civilista Maria Concetta Fallivene che dopo tre votazioni non ha ottenuto la maggioranza dei voti dei consiglieri assegnati al Consiglio regionale necessari per l’elezione.

 

Nella stessa seduta è stato ricomposto il Collegio delle Garanzie Statutarie del Consiglio regionale dell’Abruzzo. Nella seduta odierna l’Assemblea legislativa con 29 voti a favore ha eletto gli avvocati Isidoro Gianluca Malandra, Nicola Sisti e Antonio Iulianella. Il Collegio per le Garanzie Statutarie è annoverato nello Statuto della Regione Abruzzo tra gli strumenti di garanzia, quale organo di consulenza della Regione. Gli articoli 79 e 80 dello Statuto stabiliscono la composizione, la durata in carica e le funzioni fondamentali, riservando alla legge regionale la disciplina dei principi e delle modalità per l’elezione ed il funzionamento del Collegio. Il Collegio ha sede e si riunisce a L’Aquila nella sede del Consiglio regionale.

 

Silvio Paolucci. Regolamento di conti all’interno della maggioranza di centrodestra in Consiglio Regionale, andata sotto oggi pomeriggio in Aula nel corso della votazione del Garante per l’infanzia facendo così saltare la nomina. Nonostante avesse i numeri per eleggerlo, non è avvenuto in nessuna delle votazioni utili, un disaccordo da cui è emerso un segnale chiaro di tensione, già serpeggiante anche nelle fasi di costruzione e approvazione della legge regionale denominata “Cura Abruzzo 2”. L’unico collante che finora sembrava tenere unita la maggioranza, le nomine, sembra invece rappresentare nelle ultime ore un vero incubo per Marsilio ed i suoi, che sulla designazione del Presidente dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Teramo, espressione del Gruppo Lega, raccoglie appena 12 voti.

 

Spaccatura nella spaccatura sembra essere avvenuta all’interno del Gruppo di Forza Italia, dove il Consigliere Daniele D’Amario (Capogruppo FI), incassata la sconfitta sulla nomina del Garante per l’Infanzia, abbandona l’Aula lasciando la maggioranza appena ad un filo sul numero legale che il suo collega Umberto D’Annuntiis, sempre di Forza Italia, ha mantenuto per assicurare la validità della votazione cara alla Lega sull’IZS di Teramo. Mentre gli abruzzesi attendono ancora i soldi della Cassa integrazione e gli imprenditori segnalano malfunzionamenti per inviare le istanze sul bando “Aiuta Impresa”, la coalizione che sostiene la Giunta lenta che rallenta l’Abruzzo mette in scena uno spettacolo imbarazzante a colpi di veti incrociati sulle nomine che sembrano non tener conto del difficile momento che i cittadini abruzzesi stanno vivendo fuori dalle mura del Palazzo dell’Emiciclo.

 

Sandro Mariani e Marianna Scoccia. Una maggioranza spaccata, incapace di governare i processi, litigiosa e in disaccordo su tutto.  È questo il quadro della giornata odierna in Regione, che porta con se un chiaro messaggio al Presidente Sospiri, dominus del Consiglio, che doveva essere il garante delle operazioni di nomina all’ordine del giorno.  Il Consiglio regionale aveva in calendario la nomina del Collegio delle Garanzie statutarie, organismo fondamentale non operante ormai da settembre scorso per mancanza del plenum, Garante dell’infanzia e Presidente IZS. Un pacchetto che evidentemente non è stato sufficiente a soddisfare le logiche di spartizione nella maggioranza di centro destra.  Infatti, dopo il voto unanime della terna per il Collegio delle Garanzie statutarie la maggioranza è deflagrata sulla nomina del Garante per l’infanzia.

Dopo le prime tre votazioni, che necessitavano della maggioranza qualificata, alla quarta il nome dell’avvocato pescarese Maria Concetta Falivene, in quota Forza Italia, si è fermata a 15 voti, ne erano necessari 16, nonostante i 17 voti a disposizione della maggioranza. Due voti di centro destra sono andati all’On. della Lega Bellachioma e a Caterina Longo, moglie dell’Assessore Fioretti.

Il “tradimento” ha innescato la rappresaglia dei forzisti che non hanno partecipato al voto per la nomina del presidente dell’IZS, parliamo di Davide Calcedonio Di Giacinto scelto dalla Lega. Anche qui non sono mancati i burloni di turno con un voto espresso persino a favore del Marchese Serbelloni Mazzanti vien dal mare. Alla seconda votazione, dopo la prima nulla,  il numero legale è stato mantenuto solo grazie al voto in extremis del Sottosegretario D’ Annuntiis, il quale ha preferito salvare la poltrona piuttosto che far saltare il banco, convinto personalmente dal Presidente Marsilio. Si è giunti così all’elezione di Di Giacinto con 12 voti, la Lega più uno.