AstraZeneca, l’Abruzzo riprogramma i richiami

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 11 Giugno 2021 @ 23:44

Sono 75mila le persone con meno di 60 anni a cui, in Abruzzo, è stata somministrata la prima dose.

 

di AstraZeneca e che, quindi, dovranno essere sottoposte a richiamo, da effettuare tra oggi e agosto. A fornire il dato è il coordinatore regionale della campagna vaccinale, Maurizio Brucchi.

Ai 75mila utenti, dopo le raccomandazioni del Comitato tecnico scientifico, dovrà ora essere somministrato un vaccino a mRna, cioè Pfizer o Moderna. Le persone in questione si vanno quindi ad aggiungere a tutti gli altri under 60 che già avevano prenotato la somministrazione.

La Regione Abruzzo ha già inviato una nota alle quattro Asl affinché si adeguino alle raccomandazioni del Cts. Secondo quanto riferito dall’assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, “per domani e dopodomani dovremmo essere coperti, poi molto dipenderà dalle dosi che arriveranno”, dice, aggiungendo che “andiamo verso una riprogrammazione”.