-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Roma Bus Card: le tessere Tua arrivano ormai scadute FOTO

PUBBLICATO IN:
Ultimo Aggiornamento: sabato, 28 Ottobre 2017 @ 7:05

Pescara. Le tessere per le tariffe low-cost degli autobus per Roma consegnate con un anno di ritardo, quando sono praticamente ormai scadute.

Il disservizio, che comporta anche uno spreco di soldi pubblici, dato che di società di trasporto pubblico della Regione Abruzzo si tratta, lo abbiamo testato in prima persona e ci è stato segnalato anche da altri.

L’oggetto in questione è la Roma Bus Card, tessera che consente di usufruire delle tariffe a basso costo, ovvero scontate da 15 a 10 euro, per le corse da e per Roma effettuate da quelle che erano Arpa, Di Fonzo e Di Febo Capuani, aziende ora unificate sotto il marchio TUA, Trasporto Unico Abruzzese.

Per farla basta registrarsi sul sito internet TUA, gratuitamente, ottenendo un numero di tessera che può essere inserito al momento dell’acquisto dei viaggi low-cost per ricevere lo sconto. Al momento della registrazione si riceve un documento provvisorio da stampare, di modo da esibirlo al controllore sul bus, in attesa di ricevere a casa la tessera plastificata che ha validità un anno.

Abbiamo fatto richiesta della tessera il 5 maggio 2016 e per tutto l’anno abbiamo usufruito del servizio con il foglio provvisorio. Trascorsi ormai 11 mesi era diventata un’abitudine, invece proprio oggi ci è stata recapitata via posta la tesserina. Data di scadenza: 11 maggio 2017, tra meno di un mese.

Lo stesso è accaduto a un nostro lettore, come testimoniato dalle foto. C’è di peggio, purtroppo è vero, ma se il ritardo venisse replicato per ogni iscrizione, lo spreco di soldi pubblici c’è. Singolarmente, tra stampa della card, imbustamento e spedizione, la cifra può sembrare risibile. Ma moltiplicato per ogni caso, la società di trasporto della Regione Abruzzo spenderebbe una cifra considerevole per recapitare una scheda di plastica che, dopo pochi giorni, va cestinata.

Tanto varrebbe rinunciare alla card e lasciare la carta, quella che ogni utente può comodamente stampare a pochi centesimi di euro a casa propria.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate