-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Pastore Abruzzese: il cane riconosciuto patrimonio culturale dal Governo

PUBBLICATO IN:
Ultimo Aggiornamento: sabato, 28 Ottobre 2017 @ 8:45

Pescara. Dopo la legge regionale, anche il Governo dà il suo beneplacito al riconoscimento del Pastore Abruzzese come “patrimonio culturale”.

La legge era stata presentata all’Emiciclo abruzzese a luglio e approvata ad agosto, ieri il passaggio a Palazzo Chigi, dove il ministro Franceschini, ha esaminato 21 leggi regionali e deliberato la non impugnativa per la legge 21 del 9 luglio 2016 della Regione Abruzzo: «Riconoscimento del cane bianco italiano da custodia delle greggi patrimonio culturale della Regione Abruzzo con il nome di “cane da pecora abruzzese” o “mastino abruzzese”».

Il cagnolone bianco, dunque, con il parere del Governo Italiano, diviene patrimonio culturale dell’Abruzzo, come recita l’articolo 1 della legge al primo comma: «La Regione Abruzzo riconosce il cane bianco italiano da custodia delle greggi, così come trasmesso dalla civiltà pastorale abruzzese, unico e inconfondibile, parte integrante del proprio patrimonio culturale con il nome di “cane da pecora abruzzese” o “mastino abruzzese”».

Concetto ribadito al secondo comma: «Il cane bianco italiano da custodia delle greggi, capolavoro della collettiva e plurimillenaria opera di selezione genetica delle genti della montagna abruzzese, è stato ed è elemento insostituibile nell’attività armentaria ecocompatibile della tradizione pastorale abruzzese».

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate