6.5 C
Abruzzo
lunedì, Agosto 15, 2022
HomeRegione AbruzzoAbruzzoNiente assistenza per 12 pluriminorati gravi: interpellanza di Acerbo e Saia

Niente assistenza per 12 pluriminorati gravi: interpellanza di Acerbo e Saia

Ultimo Aggiornamento: lunedì, 30 Ottobre 2017 @ 2:11

ospedaleDal primo febbraio la Regione Abruzzo taglierà l’assistenza a 12 pluriminorati sensoriali gravi maggiorenni, attualmente in cura all’Istituto Paolo VI di Pescara, dove godevano di assistenza specifica e riabilitativa. A darne notizia sono i consiglieri regionali Antonio Saia (Pci) e Maurizio Acerbo (Prci), che hanno interpellato il presidente della Giunta Regionale e Commissario alla Sanità Gianni Chiodi.

Le famiglie non hanno ricevuto spiegazioni, né indicazioni ufficiali su come gestire l’emergenza, trattandosi di persone che hanno gravi disabilità dell’apparato fisico e sensoriale, che, quindi, senza le terapie non potranno essere seguiti al meglio e continuare a fare progressi, seppur piccoli;

Il taglio fa parte dei provvedimenti adottati quest’estate dal Commissario Chiodi e dalla sub commissaria Baraldi, ma la cessazione delle terapie non è stata comunicata formalmente alle famiglie, che hanno dovuto apprenderlo per lo più verbalmente dagli assistenti del centro.

“A parte la disumanità della decisione” scrivono i consiglieri regionali “in fondo si tratta del taglio di terapie a 12 pazienti che di sicuro non risolverà il grave deficit sanitario della regione, è molto discutibile il metodo di far pesare i tagli anche sui soggetti più deboli e svantaggiati. Va anche sottolineato il disorientamento e la preoccupazione delle famiglie per il destino dei propri cari ai quali vengono sospese terapie riabilitative utili e necessarie perché costituiscono una speranza di recupero, ancorchè parziale, di una accettabile vita di relazione”.

La sospensione delle cure, inoltre, comprometterebbe il recupero delle condizioni degli assistiti e comporterebbe la perdita di quei benefici e progressi, seppur parziali, fino ad oggi acquisiti, vanificando così anni di sforzi e sacrifici personali, delle famiglie e della stessa società. Per questo chiedono al presidente Chiodi “se non ritenga opportuno riconsiderare la decisione presa e far si che non vengano sospese le prestazioni in favore dei pluriminorati sensoriali in trattamento presso l’Istituto Paolo VI di Pescara”.

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'