-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Weedy Shop vuole parlare di un problema molto comune: attacchi di panico.

PUBBLICATO IN:
Ultimo Aggiornamento: lunedì, 24 Agosto 2020 @ 9:17

Prima di parlare di un tema molto comune nella nostra società, Weedy Shop ricorda a tutti che, l’attività resta aperta tutti i giorni, 24 ore al giorno.

Tornado a noi, visto le ultime recensioni che alcuni clienti hanno lasciato in merito, Weedy Shop vuole parlare di un problema molto comune (chi più, chi meno) che sono gli attacchi di panico.

Gli attacchi di panico sono più comuni di quanto si possa pensare. In realtà sono così comuni che circa l’1,5% della popolazione oltre i 18 anni può sperimentare un attacco di panico. Inoltre, coloro che soffrono di attacchi di panico spesso soffrono di disturbi concomitanti o di malattie fisiche, che intensificano il loro attacco.

Se gli attacchi di panico sono legati all’ansia, o sono causati da qualche altro fattore di stress, gli attacchi di panico sono reali, spaventosi e emotivamente debilitanti. In generale, i medici tenderanno a trattare gli attacchi di panico con terapie di psicologia, farmaci, o con entrambi, ma grazie alla recente ricerca è emersa una terza opzione. Gli scienziati stanno ora concordando sul fatto che la canapa light con alta percentuale di cannabidiolo CBD sta dimostrando di essere un trattamento efficace per gli attacchi di panico.

Va fatta distinzione tra attacchi di panico e attacchi di ansia, poiché sono molto diversi. Gli attacchi di ansia sono per lo più causati in reazione a un fattore di stress, ad esempio, una persona può sentirsi apprensiva o timorosa di una determinata situazione. Gli attacchi di ansia sono di breve durata, quando il fattore stressante si allontana, diminuisce.

Gli attacchi di panico, d’altra parte, non sono collegati a un fattore di stress. Un attacco di panico è imprevedibile e può colpire all’improvviso. Durante un attacco di panico, una persona può sentirsi come se stesse per morire o perdere il controllo completo su una situazione. Ciò porterà ad una varietà di sintomi fisici, tra cui dolori al petto, vertigini e nausea.

I principali sintomi sono:

Battito cardiaco accelerato
Vertigini
Dolore al petto
Brividi
Formicolio in diverse parti del corpo
Terrore
Paura di perdere il controllo
Paura di morire
Nausea o mal di stomaco
Mentre gli attacchi di panico tendono a durare solo per un paio di minuti, le conseguenze possono portare a depressione e impotenza. Attacchi di panico ricorrenti possono portare a cambiamenti comportamentali significativi che possono durare per alcuni mesi. Chi soffre spesso di attacchi di panico, sarà spinto a recarsi al pronto soccorso più vicino, poiché questa malessere, spesso viene percepito come un attacco di cuore.

Se decidi di seguire la via tradizionale per curare un attacco di panico, è importante capire che i medici tenderanno a prescrivere due tipi di farmaci:

Antidepressivi – Questa è generalmente la prima scelta dei medici. Se assunti regolarmente, alterano le configurazioni dei neurotrasmettitori che a loro volta aiutano a bloccare i sintomi.

Farmaci anti-ansia (benzodiazepine) – L’uso di benzodiazepine per gli attacchi di panico è un argomento estremamente controverso tra i ricercatori. Ad esempio, mentre l’American Psychiatric Association ha trovato prove positive e afferma che le benzodiazepine possono essere utilizzate in base alla storia del singolo paziente, l’Istituto Nazionale di Eccellenza Clinica è giunto a una conclusione diversa, concludendo che le benzodiazepine non sono efficaci a lungo termine per il distrurbo del panico. Secondo l’Istituto nazionale di eccellenza clinica, la benzodiazepina non dovrebbero essere utilizzata per più di quattro settimane.

Naturalmente ci sono alimenti da evitare quando si curano, (specialmente con farmaci, queste problematiche).
Caffeina – La caffeina è uno stimolante noto per innescare varie emozioni tra cui nervosismo, nausea e senso di leggerezza.

Zuccheri artificiali e raffinati – Anche se lo zucchero si trova praticamente in tutto ciò che mangiamo in questi giorni, è importante essere coscienziosi. Gli studi hanno dimostrato che lo zucchero crea cambiamenti nel corpo, che possono incrementare i sintomi d’ansia.

Alcool- sebbene sia considerato un antidolorifico da alcuni, l’alcol è una tossina che porta a un funzionamento fisico e mentale improprio, influenzando i livelli di serotonina nel cervello.

Inoltre, agisce sul sistema nervoso e può causare un aumento della frequenza cardiaca.

Grassi idrogenati- è uno degli alimenti peggiori per la tua salute. Purtroppo, è anche uno dei più gustosi. Gli studi hanno trovato che il grasso idrogenato, che si trova in alimenti come patatine fritte e caramelle può aumentare il rischio di depressione. Inoltre, può portare a sintomi più ansiosi.

A partire da ora, è noto che il CBD può avere un effetto calmante e lenitivo sul corpo umano, dimostrando di fornire sollievo per chi soffre di attacchi di panico. Ciò si verifica quando l’anandamide nel nostro corpo reagisce con il CBD della cannabis. Inoltre, Studi recenti, stanno dimostrando che il CBD, sta avendo anche un effetto miracoloso sul panico.

Nel 2015, uno studio condotto da Esther M. Blessing, Maria M. Steenkamp, ​​Jorge Manzanares, Charles R. Marmar (Neurotherapeutics, 2015 Oct. 12 (4): 825-836) ha concluso che il cbd può essere usato come trattamento per il disturbo dell’ansia, attacchi di panico, disturbo d’ansia sociale, disturbo ossessivo-compulsivo e disturbo da stress post-traumatico, se somministrato giornalmente.

Altri studi hanno trovato una connessione indiretta agli attacchi di panico attraverso la ricerca sull’ansia. In un piccolo studio di 40 persone, il CBD è stato provato per ridurre l’ansia nelle persone sottoposte a situazioni stressanti.

Nel 2011, è stato riscontrato che il trattamento con il CBD riduceva significativamente l’ansia, i disturbi cognitivi e il disagio nelle prestazioni linguistiche, e diminuiva significativamente l’allerta nel loro discorso anticipatorio, aiutandoli ad affrontare ansia e attacchi di panico.

In una pubblicazione di de Mello Schier et al. (2014), si è concluso che i recettori CB1 e CB2 sono rimasti inattivi dopo la somministrazione di CBD. Questo ha suggerito che i benefici ansiolitici erano molto probabilmente raggiunti attraverso il legame al recettore 5-HT1A. Ciò indica che il CBD appariva efficace come ansiolitico.

Weedy Point ricorda a coloro che vogliono avere informazioni, consigli o delucidazioni sui prodotti di scrivere al numero 324 8169597 (preferibile contatto WhatsApp) oppure sulle pagine social (Instagram e facebook).

Weedy Shop chiede cortesemente a tutti coloro che hanno problematiche più o meno gravi di lasciare un piccolo commento su Google. Tutto ciò aiuta a capire quanto validi e importanti per la salute delle persone sono i prodotti che vengono scelti per voi.

TROVATE WEEDY SHOP AD ALBA ADRIATICA SUL LUNGOMARE MARCONI 128.

Per restare aggiornato segui la pagina Instagram e facebook @weedy_shop_h24_alba_adriatica.

 

-- FINE ART -
-- ART CORR OUTB --
-- ALTRI ART CORR -- -- ALTRE NEWS --

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate