-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Weedy Shop: mal di testa e CBD

PUBBLICATO IN:
Ultimo Aggiornamento: martedì, 9 Novembre 2021 @ 16:29

Per quanto riguarda il mal di testa, questa è probabilmente la proprietà più importante del cannabidiolo. Nel 2018, uno studio ha confermato i benefici terapeutici della cannabis o del cannabidiolo e le opzioni di trattamento associate per il mal di testa e l’emicrania.

La CBD colpisce il sistema della serotonina
Il CBD in combinazione con diverse concentrazioni di THC ha un’influenza significativa sul rilascio di serotonina nel corpo umano. Ciò è stato confermato da uno studio pubblicato nel 1995.

CBD è astringente
Alcuni tipi di cefalea sono associati alla dilatazione dei vasi sanguigni infiammati. Nella maggior parte dei casi, i farmaci astringenti – cioè quelli che restringono nuovamente i vasi sanguigni – vengono poi utilizzati per alleviare il dolore associato.

La cannabis ha un effetto astringente ed è quindi utilizzata con successo anche per le cefalee a grappolo.

La CBD aiuta con la nausea
Un sintomo diffuso e spiacevole tra le persone affette da emicrania è la nausea o addirittura il vomito. L’assunzione di prodotti CBD come l’olio CBD può aiutare a migliorare la nausea.

Come si usa la CBD per il mal di testa?
Se si soffre di attacchi di cefalea acuta e regolare o se questi attacchi diventano improvvisamente più frequenti, è necessario consultare un medico come primo passo.

Se i farmaci sono già in corso di assunzione per il trattamento, può avere senso combinarli con il principio attivo cannabidiolo.

Nella maggior parte dei casi, ai pazienti si raccomanda di prendere l’olio CBD perché viene assorbito rapidamente e direttamente nel sistema. L’olio CBD viene fatto gocciolare sopra o sotto la lingua e poi lasciato in bocca per 30-60 secondi in modo che possa essere assorbito dalla mucosa orale.

Gli studi dimostrano l’effetto della cannabis
Nel 2018 è stato condotto uno studio che ha confermato i vari benefici terapeutici della cannabis o dei cannabinoidi. Secondo questo studio, soprattutto nel trattamento del dolore, e quindi anche nel trattamento del mal di testa e dell’emicrania, sono stati registrati successi con il trattamento CBD.

Inoltre, questo studio dimostra la possibile associazione tra il disturbo emicranico e il sistema endocannabinoide.

La cosiddetta sindrome endocannabinoide non è associata solo all’emicrania, ma anche a malattie come la sclerosi multipla, la fibromialgia, la sindrome da stress post-traumatico e la sindrome dell’intestino irritabile.

Un altro studio italiano ha esaminato l’effetto del CBD e del THC sull’emicrania ed è stato presentato al 3° Congresso dell’Accademia Europea di Neurologia.

Ha studiato gli effetti dei cannabinoidi e del THC nel trattamento acuto e preventivo dell’emicrania. I risultati sono impressionanti, perché dopo tre mesi si è scoperto che i prodotti CBD-THC somministrati avevano lo stesso effetto dell’amitriptilina.

Il CBD e il THC hanno dimostrato di ridurre il dolore acuto dell’emicrania del 43,5% e di ridurre il verificarsi di ulteriori attacchi di emicrania del 40,4%.

Questo studio mostra anche chiaramente che la CBD può essere presa anche profilatticamente contro emicrania e mal di testa.

TROVATE WEEDY SHOP AD ALBA ADRIATICA SUL LUNGOMARE MARCONI 128.

Per restare aggiornato www.weedy-shop.com oppure segui la pagina Instagram e facebook @weedy_shop_h24_alba_adriatica.

 

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate