Teramo, nuova giunta. Cozzi (Forza Italia): “Io non uscirei più di casa”

Non si fanno attendere le reazioni dopo l’annuncio della composizione della nuova giunta a Teramo.

Nello specifico, Mario Cozzi, capogruppo e delegato comunale di Forza Italia, non le manda a dire al sindaco Gianguido D’Alberto. “Dopo 17 giorni di travaglio, il primo cittadino ha partorito il nulla – ha detto – Doveva esserci azzeramento, si doveva parlare di programmi e di rilancio. Tutto questo ieri non è stato affrontato, rimandandolo ad una successiva conferenza stampa. Ci si è soltanto limitati a ripetere le parole ‘forte, importante e grande’, riferite proprio al progetto della nuova giunta”.

E ancora: “Non esiste un D’Alberto bis, perché il primo non è di fatto mai partito. Siamo passati di fatto da un tavolinificio ad un poltronificio. Rispetto alla volontà di cambiare e rinnovare, ci sono invece persone che sono nella politica da tanti anni e le facce nuove si ritrovano deleghe praticamente vuote. Non c’è nessun cambiamento, anzi. Non dimentichiamo che la giunta adesso è composta da nove assessori, più i consiglieri a cui saranno affidate deleghe, oltre al presidente del consiglio comunale ed i tre membri dello staff del sindaco. Si evince che tutto è servito per far tacere malumori e dissensi, che si sono tra l’altro palesati pubblicamente su Facebook e tramite comunicati stampa. Emblematici i casi di Ennio Pirocchi e Luigi Ponziani, due figure eleganti che sono andati via in modo altrettanto elegante”. Tra l’altro lo stesso sindaco D’Alberto, all’opposizione, criticò il numero di assessori dell’allora giunta Brucchi: “Per una cosa del genere, dopo aver contestato, io non uscirei più di casa”.

Cozzi conclude dicendo che “aspettiamo trepidanti i contenuti per iniziare a confrontarci per il futuro della città, ma notiamo che si sta facendo di tutto per tenere in piedi questa amministrazione”.