6.5 C
Abruzzo
mercoledì, Maggio 18, 2022
HomeNotizie TeramoPolitica TeramoTeramo, in Comune incontro per il personale Tercoop, mentre Di Teodoro e...

Teramo, in Comune incontro per il personale Tercoop, mentre Di Teodoro e Verna continuano a discutere

Ultimo Aggiornamento: martedì, 11 Gennaio 2022 @ 16:44

Incontro sindacale questa mattina, nella sede municipale di Via Carducci a Teramo tra le rappresentanze sindacali di CGIL e CISL, le RSU, l’amministrazione comunale e la cooperativa aggiudicataria della gara per il servizio dei parcheggi, la Easy Help.

L’incontro, convocato per definire il percorso di tutela dei livelli occupazionali dei dipendenti di Tercoop, ha consentito, secondo il Comune, “di porre le basi per una gestione ottimale del passaggio del personale al nuovo aggiudicatario”.

Soddisfatto il sindaco Gianguido D’Alberto: “Tutte le rappresentanze in campo, stanno lavorando nella direzione che abbiamo sempre sostenuto che è quella di tutelare il personale Tercoop. La riunione di oggi, ci permette di avviare un processo che si muove nella direzione concordemente auspicata”.

Continua, nel frattempo, la polemica sull’affidamento da parte del consigliere comunale di Italia Viva, Osvaldo Di Teodoro: “È incredibile ed inaccettabile la situazione del nuovo servizio di gestione dei parcheggi scoperti nel centro storico di Teramo, servizio affidato per otto anni alla società marchigiana Easy Help. A prescindere dai rilievi sulla procedura di aggiudicazione, quello che è incomprensibile è il peggioramento delle condizioni di tutti gli attori coinvolti, tranne la società aggiudicataria che invece raddoppia gli incassi e realizza ingenti utili. Ho già avuto modo di rappresentare la scure che si abbatte sui lavoratori, che ad oggi sono 26 e tutti a tempo pieno, i quali si accingono a diventare solo 19 a part time (dalle 36 ore settimanali attuali a sole 30 ore settimanali), con 7 persone fra esuberati e personale eventualmente a chiamata. Allo stesso modo inconcepibile è la riduzione del canone concessorio: infatti la nuova società Easy Help corrisponderà al Comune un canone annuale di affitto degli stalli pari ad euro 101.000,00, a fronte del canone percepito fino ad ora dall’attuale gestore di euro 120.000,00. La riduzione per le casse dell’Ente è pari ad euro 19.000,00 l’anno. Ma la situazione più grave è l’aumento del costo dei posteggi, che passa dagli attuali 1,2/1,5 euro l’ora ad 1,5/2,0 euro l’ora, con un aumento medio del 30%. Segnalo che nella Capitale d’Italia la tariffa ordinaria per il posteggio è di 1,00 euro l’ora fuori dalla ZTL e di 1,20 euro l’ora all’interno della ZTL. Se Il Comune di Teramo pensa che parcheggiare in città meriti una tariffa doppia rispetto a quella di Roma, allora vuol dire che i nostri amministratori vivono fuori dalla realtà”.

E ancora: “Per chiarezza vorrei rendere noto che gli incassi lordi medi dell’attuale gestore, la Tercoop, ammontano a circa 630mila euro annui, ai quali va detratta la somma di 120mila da corrispondere al Comune per il canone di affitto dei circa 487 posteggi che gli sono stati messi a disposizione. Residua un mezzo milione l’anno che corrisponde (fatte salve le spese generali) a circa 18mila euro lordi per ciascuno dei 26 soci lavoratori a tempo pieno che occupa la Cooperativa Tercoop. Da adesso, però, a termini di contratto il nuovo gestore avrà ben 644 stalli, con un aumento di circa 150 posti auto, corrispondenti ad un incasso medio di 830mila euro a tariffe invariate. Sappiamo però che anche le tariffe aumentano del 30% medio, per cui gli incassi cresceranno a circa 1,1 milioni di euro annui, ai quali detrarre i 101mila euro da corrispondere al Comune per il canone di affitto dei 644 posteggi assegnati dal Comune. Se si considera poi che i soli 19 lavoratori da riassumere a part time avranno un costo lordo stimato di 15mila euro l’anno ciascuno, per un totale di stipendi inferiore ai 300mila euro l’anno lordi, ne consegue che a fare i conti della serva la Easy Help otterrà un utile lordo di circa 700mila euro l’anno, rispetto alla totale assenza di utili di cui ha potuto disporre Tercoop negli ultimi decenni. Da un lato, questi 700mila euro di utili verranno interamente pagati dalla cittadinanza e dai fruitori dei parcheggi, dall’altro lato questi utili non verranno reinvestiti sul territorio perché andranno nelle Marche, laddove la Easy Help ha la propria sede”.

La risposta dell’assessore Maurizio Verna non si è fatta attendere: “Il nostro unico obiettivo è stato sempre e solo quello di ristabilire una prospettiva chiara e certa per la gestione dei parcheggi dopo anni di disordine e caos amministrativo. E a dispetto di quanto sostiene il consigliere comunale di Italia Viva Osvaldo di Teodoro, grazie alla gara bandita dal Comune e aggiudicata dalla Easy Help non solo non verranno sacrificati i posti di lavoro ma sarà anche ristabilita la piena regolarità nell’affidamento di un servizio che negli anni è stato sottoposto a continue proroghe non più sostenibili. Colpiscono che questi comportamenti, sia del consigliere Di Teodoro e sia soprattutto di qualcuno all’interno della stessa cooperativa, oltre che a strizzare l’occhio alla situazione di confusione ed illegalità perpetrata negli anni, mettano in grave pericolo il percorso per arrivare ad una garanzia dei posti di lavoro, altrimenti persi con altre fantasiose proposte.
Non è assolutamente vero che vengono sacrificati dei posti di lavoro, al contrario siamo riusciti a tutelare i livelli occupazionali e questo nonostante l’introduzione del sistema dei parcometri, che inevitabilmente producono ovunque modifiche sull’utilizzo dei lavoratori che saranno infatti reimpiegati in altri servizi. Spiace che un partito d’opposizione, in un momento come questo, si metta a speculare su questioni così delicate, soprattutto a fronte del fatto che la proposta alternativa della Tercoop preveda garanzie solo per pochi lavoratori. Per quanto riguarda l’aumento del costo dei parcheggi, rileva come si tratti in realtà di un modestissimo adeguamento inevitabile dopo anni in cui il costo del servizio è rimasto invariato e come sia di gran lunga inferiore a quanto si paga in altre città come Teramo. Viene da sorridere quando il consigliere Di Teodoro sostiene che il Comune incasserà meno introiti per la gestione del servizio, soprattutto considerando che a oggi l’ente vanta ancora dei crediti importanti nei confronti dell’attuale gestore”.

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'