6.5 C
Abruzzo
sabato, Agosto 13, 2022
HomeNotizie TeramoPolitica TeramoTeramo, area ex mercato di Campo Boario: "inaccettabile l'inerzia del Comune"

Teramo, area ex mercato di Campo Boario: “inaccettabile l’inerzia del Comune”

Ultimo Aggiornamento: lunedì, 27 Giugno 2022 @ 14:45

Teramo. “Da oramai quattro anni mi batto – all’interno del Consiglio comunale – per la riqualificazione dell’area recintata e abbandonata, corrispondente all’ex Mercato Ortofrutticolo di Campo Boario e delimitata a monte da Via Giovanni Bona e a valle da Via Ponte San Giovanni”.

A dirlo il consigliere del gruppo Cittadini in Comune, Osvaldo Di Teodoro.

“Ho chiesto sia a voce che per iscritto, con apposita mozione, che tale area venga riutilizzata ed aperta alla fruizione pubblica da parte del Comune di Teramo che ne è proprietario. Ho sostenuto in ogni sede che si debba procedere sollecitamente ad una manutenzione ordinaria e straordinaria dell’area in questione, onde renderla fruibile agli utenti quantomeno nella parte già destinata ad essere carrabile, con destinazione privilegiata a parcheggio pubblico, sia per le esigenze del quartiere, sia degli uffici pubblici insistenti nella zona, sia per le esigenze di una rimodulazione del mercato comunale del sabato”.

E ancora: “Ho sottolineato innumerevoli volte che si debba procedere sollecitamente anche alla manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici insistenti nell’area recintata in parola, onde destinarli alle esigenze che si riterranno più opportune a soddisfare gli interessi della comunità. Mi sono sgolato in ogni riunione, in ogni occasione pubblica o riservata, ma ad oggi purtroppo l’Amministrazione resta ancora sorda alle richieste elementari che sono ovvie per tutti i teramani: quelle di manutenere e restituire al servizio dei cittadini aree pubbliche che sarebbero utilissime, ma che invece giacciono nel degrado da troppo tempo, per una colpevole inerzia amministrativa”.

“Non mi arrendo e continuo a chiedere il più sollecito interesse del Comune alla vicenda, con appositi stanziamenti di bilancio e la più tempestiva operatività, al fine della restituzione di un’area centrale alla fruizione pubblica”, conclude Di Teodoro.

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'