Teramo, vicenda Cipolletti: “I parenti vaccinati lo hanno fatto a pieno titolo, lui indignato”

“Non ci sarà nessuna commissione d’inchiesta, Vincenzo Cipolletti è tranquillo”.

Lo ha detto il sindaco di Teramo, Gianguido D’Alberto, in merito alla lettera aperta inviata ieri da Teramo 3.0, secondo cui ci sarebbero stati presunti favoritismi da parte del consigliere comunale e medico, per le vaccinazioni di alcuni parenti.

“La denuncia è grave e circostanziata ed ho chiesto direttamente all’interessato – ha detto il primo cittadino – Il dottor Cipolletti, che vaccina ininterrottamente dal primo giorno, mi ha chiarito che i parenti vaccinati, lo hanno fatto a pieno titolo secondo quanto previsto nel piano vaccinale”.

E poi risponde a Fracassa: “Non ci sarà nessuna commissione d’inchiesta, non spetta al sindaco. La Asl farà le sue verifiche di competenza, considerato che la segnalazione è stata fatta anche a loro”.

D’Alberto conclude sottolineando che “Cipolletti è tranquillo, l’ho visto indignato su quanto è successo perché c’è un punto fondamentale da chiarire: come siano usciti dati sensibili dalla Asl e come possano essere divulgati”.