Roseto, il contrattacco di Nugnes a Marcone, Pavone, Recchiuti. “Noi vera opposizione costruttiva” NOSTRA INTERVISTA

Non l’ha certamente presa bene il capogruppo di Casa Civica a Roseto Mario Nugnes l’esclusione dalla mozione promossa dal collega Angelo Marcone, di Grande Roseto, e sottoscritta da Enio Pavone, Avanti X Roseto, e Alessandro Recchiuti di Futuro In sul delicato tema dell’erosione della costa teramana e rosetana in particolar modo.

Nugnes plaude comunque all’iniziativa che mira a sensibilizzare gli organi competenti dinanzi ad un problema serio che sta mettendo in ginocchio molti operatori turistici, soprattutto nel tratto centrale di Cologna Spiaggia e a sud di Roseto. L’esclusione di Nugnes, ma anche degli altri consiglieri di opposizione Rosaria Ciancaione e Nicolino Di Marco, sarebbe stata decisa perché considerati più vicini all’attuale governo cittadino.

Nugnes rimanda al mittente ogni accusa e offre una chiave di lettura politica. Rivendica il vero ruolo di opposizione per Casa Civica che in questi anni ha affrontato temi quali il recupero di Villa Clemente, i vincoli decaduti in materia di urbanistica, il Piano di Assetto Naturalistico che ancora non decolla, l’imposta di soggiorno non reinvestita sul turismo.

L’azione di Pavone, Marcone e Recchiuti ha dunque il sapore politico in vista delle amministrative del 2021. Un’azione che mira ad anticipare i tempi e a contrastare lo stesso Nugnes che potrebbe essere il candidato sindaco di un gruppo di liste civiche. Il capogruppo di Casa Civica però sottolinea che di candidature e scelte preconfezionate all’interno del suo movimento non si è mai parlato. E guarda al futuro.