Rimborso abbonamenti trasporto pubblico. La replica: Pepe e Mariani speculano sui bisogni dei cittadini

“È davvero inaccettabile che in un momento come questo, dove molte persone vivono in situazioni di grande difficoltà, i consiglieri Pepe e Mariani riversino tutta la loro “verve politica” nello speculare sulle difficoltà delle persone. Essere rappresentanti dei cittadini impone il dovere di prodigarsi in azioni utili alla comunità, non di certo di strumentalizzare le situazioni di criticità”.

 

A dirlo è Umberto D’Annuntiis, sottosegretario alla giunta regionale e delegato ai trasporti.

 

“I fatti sono ben conosciuti dai due consiglieri di minoranza, che non si sono però risparmiati dal mistificare la realtà”, aggiunge.” Infatti il “famigerato” DL rilancio prevede all’art. 215 le modalità di rimborso dei titoli di viaggio (voucher o prolungamento del titolo), escludendo di fatto categoricamente la possibilità che le regioni possano decidere con propri atti in merito altre modalità, quali ad esempio il rimborso economico dei titoli.

 

A tal proposito le regioni tutte, di centrodestra e centrosinistra, stanno chiedendo al Governo di essere chiaro e di mettere a disposizione le risorse economiche necessarie, giacché quelle previste sono largamente insufficienti. Inoltre, quando il consigliere Pepe addossa alla Regione Abruzzo la responsabilità continua a mancare di rispetto verso tutti quegli utenti che troverebbero davvero aiuto nel poter vedere rimborsati economicamente i propri titoli di viaggio, cercando solo di coprire un governo inadeguato.

 

Invito, pertanto, i due consiglieri ad avere un atteggiamento più responsabile e rispettoso dei cittadini ed eventualmente a “telefonare” ai propri rappresentanti al Governo, in modo che rimanga anche a memoria remota, per descrivere quali sono le reali situazioni di necessità dei territori. La Giunta Regionale, comunque, continuerà a lavorare senza dare possibilità a sterili polemiche strumentali di intaccare il proprio operato.