venerdì, Settembre 30, 2022
HomeNotizie TeramoPolitica TeramoNuovo lungomare Marconi. Siamo Alba: hanno già deciso tutto

Nuovo lungomare Marconi. Siamo Alba: hanno già deciso tutto

Alba Adriatica. Mentre l’amministrazione comunale ha pubblicato il bando per la progettazione architettonica esecutiva del nuovo lungomare, a livello politico e cittadino serpeggia una critica di natura politica e procedurale.

 

Ad animarla è il movimento civico Siamo Alba che invita, pubblicamente, alla mobilitazione e “impedire che vengano avviati i lavori senza un confronto serio con la città, per le criticità e perplessità e che potrebbero risultare lesione per un’opera così importante”.

È ormai chiaro che il progetto viene portato avanti in modo frettoloso“, si legge in una nota, “in una corsa contro il tempo del fine mandato, che sta risultando angoscioso e scriteriato agli occhi della città, simile alle operazioni azzardate di viale della Vittoria.

Il Sindaco ha promesso di aprire nel mese di settembre il confronto pubblico coi cittadini che sinora non conoscono esattamente il progetto. Ma questo sembra già un proposito ingannevole, l’ennesima presa per i fondelli nei confronti della cittadinanza. Infatti è già stata pubblicata in questi giorni la manifestazione di interesse per individuare i tecnici che appronteranno il progetto esecutivo. Mentre già risulta incaricato il tecnico per la progettazione non strutturale degli ambienti, il quale peraltro, evidentemente nelle grazie del sindaco e dell’ufficio tecnico, risulta incaricato ad ulteriore mansione commissionato dall’Ente.

Si continua dunque a correre ed incaricare mentre si lascia credere alla città che sarà prima o poi interpellata a modificare il progetto.
Nella fretta la confusione regna sovrana, le problematiche si accavallano e con l’approssimazione sotto gli occhi di tutti emergono tanti dubbi”.

I costi. Siamo Alba sostiene che la cifra dei 7 milioni, impegnata con un mutuo, a seguito di un esame più approfondito, non sia poi risultata sufficiente.
“Sembra che l’ufficio in queste ore stia precipitosamente rivalutando i costi e le scelte alle quali si dovrà rinunciare cambiando diverse cose nel progetto”, prosegue la nota.
Risulta inoltre essere pendente il ricorso al tar che verrà discusso solo in dicembre sulla destinazione della fascia di rispetto attualmente in uso a molti chalet e non è comprensibile come si possa procedere senza consolidare tale posizione. Inoltre sarebbe davvero azzardato defalcare dal progetto esecutivo, in attesa di chiarimenti, un’area fondamentale come se fosse un particolare trascurabile.

Altra grave criticità è l’assenza della sistemazione dei sottoservizi che appare una gravissima lacuna progettuale, une vero e proprio madornale errore.
Il tema specifico interessa la possibilità di elevare nuovi servizi per il futuro, la sistemazione e/o sostituzione di quelli già esistenti decisamente ammalorati dal tempo, la sistemazione di impianti per la pubblica sicurezza come l’impianto antincendio della pineta che risulta ancora essere fuori uso necessitando interventi sotterranei sostanziali proprio in alcuni punti che verrebbero al più presto lastricati.
Il problema è noto a tutti gli amministratori, ma nel progetto non risultano interventi per questa problematica.

Per di più, dal progetto, risulta errata la stessa impostazione del lungomare e l’ampio utilizzo di materiali rigidi, la stessa erezione del muretto di oltre due km che diventa una barriera inaccettabile verso il mare.
Tutti gli indicatori eco ambientali più autorevoli, dai livelli europei a quelli nazionali, suggeriscono di evitare il più possibile l’utilizzo di materiali rigidi in prossimità del mare per i prossimi trenta anni; si consiglia di non produrre nuovi insediamenti urbani non removibili.

Alba Adriatica che nella sua storia non ha mai posto queste barriere, lavorerà sulla rigenerazione urbana in assoluta controtendenza ai tempi ed alla sua storia.
Inoltre le scelte urbanistiche che richiamano allo stile Egiziano con piramidi e obelischi, snaturano l’immagine di un lungomare naturale, con la sua storia e cultura, da sempre apprezzato dai turisti per la presenza delle verdi siepi, delle curate alberature e della magnifica pineta”.

BREAKING NEWS PIU' LETTE

ARTICOLI SUGGERITI

RELATED ARTICLES