Mosciano, Costituzione Italiana inviata per posta a tutti i neo-maggiorenni

Teramo. Alcuni giorni fa è stata spedita a tutti i cittadini moscianesi nati nel 2002 che hanno compiuto 18 anni nel corso di quest anno una copia della Costituzione Italiana edita dal Senato della Repubblica.

Lo scorso anno, in occasione del 27 Dicembre, sono stati invitati i nuovi cittadini presso la sala consiliare ma la pandemia in corso ha impedito di organizzare momenti di vicinanza fisica.

“L’esperienza che stiamo vivendo – ha scritto il Comune di Mosciano – tante volte ci ha posto, negli ultimi mesi, davanti al tema della tutela dei diritti costituzionali tra libertà individuali e tutela della salute soggettiva e pubblica. La crisi sanitaria ci ha posti davanti all’essenza dell’art. 32 della nostra carta costituzionale: ‘La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana’. Quante volte, durante gli ultimi mesi, ci siamo domandati se tutte le restrizioni alle nostre libertà, decise per far fronte all’emergenza e che hanno limitato diversi diritti riconosciuti dalla nostra Costituzione, siano state giuste e proporzionate rispetto al diritto fondamentale alla salute? Eppure, la risposta possiamo trovarla nelle parole della Presidente della Corte Costituzionale, Marta Cartabia, che lo scorso aprile affermava: ‘La piena attuazione della Costituzione richiede un impegno corale, con l’attiva, leale collaborazione di tutte le Istituzioni, compresi Parlamento, Governo, Regioni, Giudici. Questa cooperazione è anche la chiave per affrontare l’emergenza. La Costituzione, infatti, non contempla un diritto speciale per i tempi eccezionali, e ciò per una scelta consapevole, ma offre la bussola anche per “navigare per l’alto mare aperto” nei tempi di crisi, a cominciare proprio dalla leale collaborazione fra le istituzioni, che è la proiezione istituzionale della solidarietà tra i cittadini'”.

A”ffrontare questa pandemia ha richiesto, e lo richiede tutt’ora, la leale collaborazione di tutti, Istituzioni e cittadini. Da oggi i nostri concittadini neodiciottenni avranno uno strumento in più per capire e conoscere le regole democratiche che governano la vita del nostro Paese!”, conclude l’amministrazione comunale moscianese.