Montorio, dalla giunta messa in sicurezza per il territorio ed un nuovo canile

La Giunta comunale di Montorio al Vomano ha approvato nuovi provvedimenti, tra cui due delibere sulla messa in sicurezza del territorio dal rischio idrogeologico.

Il primo progetto riguarda il tratto urbano del lungofiume, per una lunghezza totale di 1,8 km. “Oggi solo una piccola parte del nostro lungofiume è accessibile – commenta il sindaco Fabio Altitonante – Metterlo in sicurezza è il primo passo per una riqualificazione complessiva, che lo renda fruibile per le famiglie di Montorio e per i turisti, che troveranno un luogo bello, accessibile e sicuro per i bambini”.

In svariati punti l’alveo fluviale ha generato, infatti, alte scarpate i cui orli superiori, regredendo, mettono in pericolo le abitazioni presenti. La progressione dei fenomeni erosivi è amplificata anche dal continuo rilascio di ondate di piena provenienti dalle centrali idroelettriche. Risulta pertanto un rischio molto elevato.

Sono previste 3 tipologie di intervento, a seconda dello stato degli argini. “Con l’approvazione di questa delibera – precisa il sindaco – andiamo a definire un intervento dal valore di 5 milioni di euro. Con la riqualificazione del lungofiume creeremo spazi per attività sportiva, per manifestazioni culturali e luoghi di aggregazione per i cittadini”.

Il secondo intervento riguarda la località Santa Lucia, dove è presente un versante in frana, immediatamente a ridosso del piano stradale e dell’abitato.

“Abbiamo approvato oggi lo studio di fattibilità, che ci consentirà di richiedere un finanziamento statale di circa 900 mila euro per mettere finalmente in sicurezza la zona. Consideriamo che la strada provinciale SP42 Montorio-Altavilla è un’arteria strategica per il collegamento del Centro Urbano di Montorio al Vomano con le frazioni Santa Lucia, Case Varnesi, Villa Maggiore ed Altavilla”.

Durante la Giunta è stato approvato anche un atto di indirizzo per il ricovero dei cani del Comune presso una struttura idonea a garantire il benessere degli animali affidati. “Il nostro auspicio è che questi trovatelli trovino presto una casa, magari proprio qui a Montorio, dove sono certo che tanti cittadini li vorranno accogliere”.