Giulianova, situazione politica in ebollizione a poche ore dall’ufficializzazione dei candidati

Giulianova. A pochi giorni dalla presentazione delle liste e dall’ufficializzazione dei candidati alla carica di sindaco a Giulianova, la situazione politica locale presenta ancora diversi aspetti da chiarire.

Le certezze al momento riguardano Pietro Tribuiani, candidato della Lega e che sarà sostenuto anche da Fratelli d’Italia e da Forza Italia, Jwan Costantini sostenuto da sei liste tra movimenti civici e laici di estrazione di centro destra. Anche se ad appoggiare Costantini ci sono ex esponenti del centro sinistra o che comunque hanno fatto parte dell’esecutivo dell’allora sindaco Francesco Mastromauro. Al fianco di Costantini, che è sceso in campo proponendo la sua figura alla carica di sindaco già dallo scorso autunno, ci sarà anche Azione Politica di Zelli, a cui hanno aderito gli ex Fratelli d’Italia Paolo Vasanella e Gian Luca Grimi.

Passo indietro di Nausicaa Cameli che nei giorni scorsi ha ufficializzato il suo ritiro dalla competizione elettorale. In forte ebollizione la situazione in casa della sinistra e del centro sinistra di Giulianova. Dino Macera è stato indicato dalla sinistra radicale che conta la partecipazione di esponenti nostalgici del Partito Comunista Italiano che si è poi frazionato in più rivoli.Anche se nelle ultime ore il progetto potrebbe naufragare per alcune frizioni all’interno.

E c’è la questione Gabriele Filipponi-Franco Arboretti. Il primo è stato indicato dal Partito Democratico all’unanimità. Arboretti invece è il leader storico del Cittadino Governante che per un periodo è stato anche sindaco di Giulianova, immediatamente prima del successo del centro destra con Giancarlo Cameli.

Gli incontri avvenuti ieri sera nella sede del Cittadino Governante e del Partito Democratico sembrano aver bloccato un accordo che sembrava sostenuto da più parti (anche a livello provinciale e regionale).

Il Movimento 5 Stelle, invece, sembra pronto a scendere in campo con la sua lista a sostegno di Mauro Di Criscenzo, già candidato alle scorse regionali.

Sono ore frenetiche quelle che separano le forze politiche dall’ufficializzazione dei candidati alla carica di sindaco e delle liste. La situazione sarà definita solo entro le prossime 48 ore.