Elezioni Giulianova, Tribuiani rifiuta confronto con Costantini: scoppia la polemica

Giulianova. Conftonti tv e social rifiutati (anche quello proposto da Cityrumors con domande identiche e stesso tempo a disposizione per le risposte) in vista del prossimo ballottaggio per l’elezione del sindaco di Giulianova.

La scelta del candidato del centrodestra, Pietro Tribuiani, non è piacuta al Polo Civico che sostiene Jwan Costantini: “nessun dubbio sul fatto che il confronto sia alla base della democrazia e del rispetto verso i cittadini. In questi giorni, mai così decisivi per il futuro di Giulianova, ci troviamo di fronte a una totale assenza dell’avversario del nostro candidato sindaco Jwan Costantini ai dibattiti in tv. Questo comportamento sta di fatto limitando il confronto e la conoscenza sui temi e sui programmi, soprattutto nei confronti dei cittadini. Riteniamo che non sia un bel segnale di democrazia verso i Giuliesi che hanno sonoramente bocciato, con il voto del 26 maggio, ogni approccio di chiusura e di politica da Palazzo. Forse che il nostro avversario sia memore degli scivoloni già fatti in precedenti apparizioni e vuole evitare di incorrere in ulteriori e imbarazzanti autogol?”

“Da parte nostra Jwan Costantini continuerà a presentarsi ai confronti, anche con un sedia vuota al proprio fianco, perché tutti noi abbiamo e difendiamo un’idea diversa di democrazia e di rispetto verso Giulianova. E sarà così anche dopo ‪il 9 giugno‬, continueremo sempre il dibattito ed il confronto non solo con i cittadini e con tutte le parti sociali, ma anche con tutte le forze di minoranza”, hanno ribadito in una nota congiunta le sei liste (Verso, Giulianova in Movimento, Al Centro della Città, Azione Politica, Giulianova Turismo, Costantini Sindaco),

“Non abbiamo intenzione di sciupare questi ultimi giorni con sterili confronti televisivi manipolati”.

Così ha replicato Tribuaiani, precisando che: “Il nostro interesse è quello di confrontarci direttamente con i cittadini, pertanto non è un comportamento che limiterà la conoscenza del nostro programma ma andrà ad esaltarne la fattibilità e la credibilità, ormai le chiacchiere stanno a zero!”.

Il candidato della Lega proporra un calendario di incontri istituzionali alla presenza di rappresentanti della giunta regionale.