Elezioni, in 50 per la “prima” di Etica per Alba

In 50 per iniziare a tracciare il percorso per le prossime amministrative. Gabriele Viviani, candidato sindaco di Etica per Alba (associazione fondata nel giugno del 2012), ha promosso, assieme agli attivisti una cena di finanziamento per compiere il primo passo verso le comunali di Alba Adriatica.

 

In diversi hanno preso parte alla serata, nella quale è stato avviato un percorso fatto di confronto e trasparenza, con l’obiettivo di costruire un programma condiviso con la cittadinanza.

 

In uno scenario che stenta a chiarirsi, Gabriele Viviani ha deciso di rompere gli indugi e di avviare una sorta di campagna di ascolto e di iniziare e costruire un programma. ” La serata è stata soddisfacente”, commenta l’ex segretario cittadino del Dem, ” per le adesioni e per i temi toccati. La sfida è già lanciata e continueremo a lavorare per un percorso di trasparenza per il programma e per la composizione della lista. Alleanze? Siamo aperti al confronto con tutte le espressioni civiche della cittadina che vorranno condividere le nostre idee e proposte”.

 

Un messaggio chiaro quello lanciato da Viviani, che per il momento ha deciso di impegnarsi in prima persona, così come aveva lasciato intendere qualche mese fa, dopo il siluramento dal Pd.

 

Nella “prima” di Etica per Alba, sono stati anche presentati coloro che al momento sono i referenti dell’associazione. Oltre a Gabriele Viviani, nell’ossatura di Etica per Alba ci sono Giancarlo Di Michele (ideologo dell’associazione), Gaetano Consorti (responsabile finanziario), Antonella Ciocca (volto televisivo e presentatrice degli incontri), Paola Cardelli (delegata alla sicurezza), Romolo Viviani (coordinatore della commissione programma). Nella serata le donne presenti, sono state omaggiate con un dono floreale.