Corropoli, liceo “D’Annunzio”. Anastasi: “una morte pilotata”

Ultimo Aggiornamento: martedì, 20 Luglio 2021 @ 16:59

Corropoli. Sul destino del liceo “D’Annunzio” di Corropoli e sulla procedura di estinzione della fondazione che lo ha gestito durante tutto il percorso, interviene anche Mario Anastasi, candidato sindaco nella ultima tornata elettorale e attuale coordinatore provinciale di Cambiamo Giovani.

 

Non è certo tenero nei giudizi Anastasi, che parla della morte pilotata di una perla, motivo d’orgoglio per il nostro territorio, che garantiva la crescita culturale e la realizzazione dei sogni di molti ragazzi”, scrive in una nota.

L’istituto era una scuola paritaria, quando è stata istituita era il fiore all’occhiello della Val Vibrata, tanto che qualche anno fa un candidato aveva sbandierato che tutto procedeva a gonfie vele, a distanza di circa tre anni, ci si accorge che la situazione era totalmente diversa.

Qualcuno deve spiegare ai cittadini corropolesi e di tutta la Val Vibrata il perché di questo tragico epilogo.

Chi pagherà per questo?

Chi pagherà per aver rubato i sogni a quei ragazzi?”.