6.5 C
Abruzzo
sabato, Agosto 13, 2022
HomeNotizie TeramoPolitica TeramoCivitella del Tronto, ordinanze di sgombero non eseguite: Zunica solleva il caso

Civitella del Tronto, ordinanze di sgombero non eseguite: Zunica solleva il caso

Ultimo Aggiornamento: domenica, 8 Luglio 2018 @ 16:40

Civitella del Tronto. Ordinanze di sgombero che non trovano applicazione e che alimentano situazioni di illegalità che tutti conoscono, compresi gli amministratori”.

 

A sollevare la questione è Giuseppe Zunica, ex consigliere comunale di minoranza al Comune di Civitella del Tronto, relativamente alle ordinanze di sgombero post-sisma.

 

 

“Di fronte ad un’ordinanza sindacale di sgombero”, scrive Zunica in una nota, ” l’equazione è semplice e limpida: ordinanza,sgombero,lavori,ripristin,o agibilità. Questo concetto penso sia chiaro a tutti. A chi emette l’ordinanza, a chi la subisce e a chi deve controllare.

Purtroppo da noi così non è, in una mera ottica di scambio di favori, diciamo di do tu des, vi ricordo che recentemente ci sono state le elezioni comunali, tutto viene aggiustato calpestando di fatto lo stato di diritto. Anzi chi agisce nel rispetto della legalità, anche se “in punto di diritto “ ha tutte le ragioni, si vede schierato contro una potenza di fuoco mercenario dove entrano in gioco personaggi che per il ruolo pubblico che rivestono non hanno nessun diritto di intromettersi in situazioni private: assessori, tecnici comunali, funzionari e dipendenti dell’ufficio per la ricostruzione, che come già detto a nessun titolo hanno diritto di intervenire, anzi il loro compito è quello di far rispettare la normativa”.

 

A questi poi si associano i soliti strilloni dei network che a prescindere si avventano in anatemi sopra le righe. Anche se la situazione può avere un riferimento strettamente circostanziato, va detto che l’amministrazione comunale è il vero deus ex machina di questa distorsione istituzionale.

Essa non si limita alle sue funzioni ma agisce influenzando le situazioni in modo di garantire i suoi favori e imporre i suoi ‘placet‘ ai suoi accoliti pur di consolidare il suo bacino clientelare in uno scambio di utilità vicendevoli. Questa atmosfera soffocante, incestuosa, popolata da personaggi che finiscono col distruggere le loro stesse comunità di appartenenza, e dove tutti sono stufi gli uni degli altri, potrebbe fornirci una lezione sulla capacità di reazione che dovremmo sviluppare”.

 

 

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'