- SPECIALE ELEZIONI -
6.5 C
Abruzzo
sabato, Giugno 25, 2022
HomeNotizie TeramoPolitica TeramoCentrosinistra da ricostruire in provincia di Teramo: lo spunto di Paolo Forlì

Centrosinistra da ricostruire in provincia di Teramo: lo spunto di Paolo Forlì

Ultimo Aggiornamento: lunedì, 20 Dicembre 2021 @ 17:10

Colonnella. Una riflessione critica in seno al centrosinistra alla luce di quelle che sono state le tornate elettorali, negli ultimi due anni. E anche sulla scorta di quello che è stato l’esito delle elezioni provinciali.

Ad aprire una riflessione sul tema è Paolo Forlì (Bella Colonnella), candidato sindaco alle ultime elezioni e ora consigliere di minoranza nell’assise civica.

 

“Le ultime elezioni provinciali hanno messo di nuovo in evidenza che senza pianificazioni a medio-lungo termine, senza progettualità, senza tavoli di incontro, è impossibile ottenere i risultati elettorali che oggi i cittadini della provincia di Teramo ed il centro sinistra meriterebbero”, scrive Forlì.

Le spaccature evidenti del centrodestra – che alle provinciali si è presentato addirittura con due liste separate (ma con disegni strategici ragionati e ben chiari) – e il palese fallimento delle sue politiche economiche, sociali ed ambientali, in tutti i vari gradi di rappresentanza, non sono sufficienti per dare speranza ad un prossimo doveroso cambiamento di rotta.

Ciò di cui si sente la mancanza è la creazione di un luogo di incontro e coordinamento delle molteplici anime del centro sinistra, costituite da partiti, associazioni e cittadini che, ad oggi, non hanno punti di riferimento.

E’ sempre più chiaro che una regia “unica” affidata al PD non è sufficiente. Non basta attivare qualche iscritto a poche settimane dalle scadenze elettorali, fare appelli fuori tempo massimo o presenziare ad un paio di manifestazioni per sperare di costruire un progetto solido ed offrire proposte valide e vincenti. E’ mia convinzione che occorrerebbe allargare il centrosinistra alle sue varie anime politiche ed alla società civile, riottenendone la fiducia, lavorando nei territori giorno dopo giorno – anche e soprattutto quando le scadenze elettorali non sono vicine – coinvolgendo cittadini, simpatizzanti, iscritti, associazioni e partiti su temi specifici e concreti.

I temi. “Occorrerebbe inserire urgentemente la questione ambientale, quella sociale e quella del lavoro all’interno delle agende”, prosegue Forlì. “Pianificare ed organizzare iniziative; far funzionare i consigli comunali quali preziosi ed attivi strumenti sul territorio; convocare tavoli di coordinamento a scadenze regolari; occorrerebbe, in sostanza,  costruire punti di riferimento certi ed autorevoli e restituire la giusta identità ad un’intera coalizione che oggi è trascurata e disallineata.

In qualità di semplice consigliere comunale di un piccolo paese della nostra provincia, attendo con speranza l’attivazione di nuovi processi di intesa e coordinamento, perché il centrosinistra torni a coinvolgere iscritti e simpatizzanti e recitare un ruolo da protagonista a livello provinciale e regionale.

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'