Teramo, entro il 27 luglio domande per secondo bando assegnazione case Ater

Approvato dalla giunta di Teramo il secondo avviso per l’assegnazione temporanea delle unità abitative per l’emergenza terremoto.

Dopo l’assegnazione, nel Comune di Teramo, dei primi 50 alloggi si passa ora infatti ad una nuova attribuzione, in virtù della disponibilità di ulteriori 35 unità abitative, rivolta alla popolazione che abbia avuto danneggiata dal sisma l’abitazione in cui si aveva la dimora principale, abituale e continuativa e che risulti in una delle seguenti condizioni: ubicata in zona rossa; inagibile con esito “E” o “F”, ovvero inutilizzabile, a seguito della rilevazione effettuata con scheda FAST come attestato dall’ordinanza sindacale di inagibilità e sgombero, il cui esito di inagibilità è “E” o “F” così come dichiarato nell’attestazione che dovrà essere allegata alla richiesta, sottoscritta da professionista abilitato incaricato per la redazione della scheda AeDES.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande è stato fissato al 27 luglio 2020.

“Per andare in contro alle esigenze delle nostre famiglie, abbiamo voluto confermare il criterio della volontarietà con possibilità di esprimere tre preferenze in ordine all’ubicazione dell’immobile da assegnare – ha fatto sapere il sindaco Gianguido D’Alberto – Abbiamo scelto di prevedere la priorità per coloro che sono ancora nelle strutture ricettive e che, salvo situazioni straordinarie autorizzate dalla Protezione civile, dovranno passare in CAS al 31 luglio. Ulteriore priorità è stata stabilita per i proprietari e gli inquilini ATER. Attenzione però: in questo caso, stante l’obbligo di assegnare tutte le case acquistate dalla Regione, qualora le domande dovessero essere insufficienti a coprire tutti gli alloggi, per i restanti si procederà d’ufficio. Da questa sera sul sito sarà disponibile la documentazione predisposta dal Settore V”.