Atri, discarica Santa Lucia: la consigliera Di Luzio rivendica la sua proposta (inascoltata)

Atri. In seguito alla notizia che il Consorzio Piomba-Fino ha presentato ricorso al Tar contro la decisione del comitato Via della Regione Abruzzo che ha rigettato il progetto di ampliamento della discarica Santa Lucia di Atri e dopo che il Comune di Atri ha annunciato di costituirsi parte civile in giudizio; la consigliera comunale M5s, Cinzia Di Luzio, ricorda che il 15 Febbraio scorso ha presentato un ordine del giorno con il quale “chiedevo di deliberare l’impegno del Consiglio Comunale a formulare esplicita ed ufficiale richiesta di intervento dell’attuale Governatore della Regione Abruzzo al fine di valutare l’operato dell’architetto Laura D’Alessandro e l’eventuale revoca del suo incarico di Commissario Straordinario del Consorzio Piomba-Fino in considerazione del totale disallineamento del suo operato alle politiche e volontà locali nonché del dovere dell’Ente, tenuto a valutare le modalità di svolgimento delle attività e dei servizi oggetto delle società partecipate con particolare riguardo all’efficienza, al contenimento dei costi e al soddisfacimento dei bisogni della comunità e del territorio amministrati”.

“In occasione del Consiglio Comunale del 26 febbraio”, prosegue la consigliera Di Luzio, “la votazione della proposta venne rimandata al vaglio della Commissione Consiliare Discarica, al fine di integrarla con la richiesta di revoca del commissariamento del consorzio e di avvio di operatività dell’AGIR. Tanto i rappresentanti della maggioranza, quanto i componenti della commissione consiliare, si sono dichiarati contrari ad una azione ad personam. La maggioranza si è sempre dichiarata contraria a richiedere la valutazione dell’operato del Commissario Straordinario D’Alessandro, tanto che la votazione dello stesso Ordine del Giorno è stata nuovamente rinviata anche in occasione dell’ultimo Consiglio Comunale, il 4 maggio 2020, in attesa di un documento prodotto dalla Commissione Consiliare che omettesse questo aspetto”.

“Probabile che ora abbiamo cambiato idea. La mia proposta non l’hanno votata, non l’hanno condivisa ma improvvisamente nei giorni scorsi l’hanno fatta propria. Probabilmente la Lega ha già pronto un personaggio del proprio partito con cui rimpiazzare eventualmente l’attuale Commissario. Vedremo nel prossimo Consiglio Comunale se la maggioranza sarà coerente con quanto dichiarato dal Sindaco e, soprattutto, riguardo alla necessità, ribadita e sostenuta dai rappresentanti della Lega a tutti i livelli, di valutare la destituzione del Commissario Straordinario del Consorzio Piomba-Fino, D’Alessandro. Evidenzio che la mia proposta risale al 15 febbraio scorso e che, se accolta per tempo, forse avrebbe evitato l’avvio del procedimento amministrativo a spese dei cittadini tutti. Sarebbe auspicabile che le opinioni su argomenti di rilevante interesse pubblico fossero un tantino più chiare e decise”