6.5 C
Abruzzo
lunedì, Agosto 15, 2022
HomeNotizie TeramoPolitica TeramoTortoreto, il fango degli ex: lettera aperta del segretario Pd

Tortoreto, il fango degli ex: lettera aperta del segretario Pd

Ultimo Aggiornamento: domenica, 29 Ottobre 2017 @ 20:09

pd_tortoreto_4Il consigliere Rolando Papiri, nel suo ultimo delirante sfogo, sembra avere molta confusione sui temi da lui stesso trattati. Noi, come Pd di Tortoreto, non abbiamo paura di confrontarci anche con chi era con noi fino a quando non è stato cacciato per un evidente opera di spionaggio con l’attuale amministrazione.

Come Pd di Tortoreto abbiamo da tempo denunciato tutte le anomalie e le scelte sciagurate di questa amministrazione per le opere ( dal Papiri stesso indicate )mai compiute a Tortoreto, come messa in sicurezza del territorio, scuole, Ex stazione, manutenzione straordinaria del bene comune, etc…

Abbiamo denunciato da tempo (e purtroppo solo noi ) con ogni modo e mezzo, attuando un opposizione vigile, costante, seria e documentata!!

Ma il consigliere d’opposizione Papiri dov’era nel frattempo? Si è fatto sentire solo quando la terra è cominciata a tremare sotto i suoi piedi, e non essendo, in grado di affrontare un confronto aperto, perché colposo di più infangature, opera uno sterile linciaggio che, per chi ormai lo conosce, non è altro che sparare su se stesso.

Il candidato sindaco delle scorse elezioni , eletto in fretta e furia, era proprio Papiri. La lista era formata da giovani che si sono avvicinati alla politica mossi proprio dalla passione e dal desiderio di scardinare una vecchia politica presente sul territorio tortoretano da troppo tempo. Da una attenta riflessione, è apparso evidente che Papiri non era proprio la persona giusta al ruolo, perché troppo inserita in quella politica che oggi denuncia come vecchia e stantia. È vero ciò che afferma Papiri, a lui e a tutto il suo gruppo era stata consegnata una “Croce”: quella del cambiamento!!

Quella del cambiamento è una Croce pesante! portarla implica: coraggio, denuncia, atteggiamenti di netto rifiuto ad imposizioni della casta Tortoretana, implica che molte volte è scomoda.

Papiri ha gettato la croce a due passi dal lungo camino che doveva percorrere, molto più rassicurante e naturale per lui  reinserirsi in quella politica a lui meglio conosciuta dove si poteva comodamente rifugiare. e allora? Cosa ha fatto Papiri? Ha tradito i suoi elettori perché per Rolando Papiri, il vecchio è solo colui che scopre tutti i suoi altarini e lo denuncia!

Ha tradito i suoi elettori perché per Rolando Papiri è sbagliato solo il fatto di non ricandidarlo a sindaco, non tanto sbagliato smascherare responsabilità politiche di chi ha “protetto” chi ruba palesemente i soldi di tutti noi, cittadini di Tortoreto. Ha tradito i suoi elettori perché per Rolando Papiri la vecchia politica è il PD nato a fine 2007, ma non si è reso conto che è lui che fa vecchia la politica di Tortoreto da 3 anni.

Il segretario

Mauro Di Bonaventura

 

 

Come Pd di Tortoreto abbiamo da tempo denunciato tutte le anomalie e le scelte sciagurate di questa amministrazione per le opere ( dal Papiri stesso indicate )mai compiute a Tortoreto, come messa in sicurezza del territorio, scuole, Ex stazione, manutenzione straordinaria del bene comune, etc…

Abbiamo denunciato da tempo (e purtroppo solo noi ) con ogni modo e mezzo, attuando un opposizione vigile, costante, seria e documentata!!

Ma il consigliere d’opposizione Papiri dov’era nel frattempo? Si è fatto sentire solo quando la terra è cominciata a tremare sotto i suoi piedi, e non essendo, in grado di affrontare un confronto aperto, perché colposo di più infangature, opera uno sterile linciaggio che, per chi ormai lo conosce, non è altro che sparare su se stesso.

Il candidato sindaco delle scorse elezioni , eletto in fretta e furia, era proprio Papiri. La lista era formata da giovani che si sono avvicinati alla politica mossi proprio dalla passione e dal desiderio di scardinare una vecchia politica presente sul territorio tortoretano da troppo tempo. Da una attenta riflessione, è apparso evidente che Papiri non era proprio la persona giusta al ruolo, perché troppo inserita in quella politica che oggi denuncia come vecchia e stantia. È vero ciò che afferma Papiri, a lui e a tutto il suo gruppo era stata consegnata una “Croce”: quella del cambiamento!!

Quella del cambiamento è una Croce pesante! portarla implica: coraggio, denuncia, atteggiamenti di netto rifiuto ad imposizioni della casta Tortoretana, implica che molte volte è scomoda.

Papiri ha gettato la croce a due passi dal lungo camino che doveva percorrere, molto più rassicurante e naturale per lui  reinserirsi in quella politica a lui meglio conosciuta dove si poteva comodamente rifugiare. e allora? Cosa ha fatto Papiri? Ha tradito i suoi elettori perché per Rolando Papiri, il vecchio è solo colui che scopre tutti i suoi altarini e lo denuncia!

Ha tradito i suoi elettori perché per Rolando Papiri è sbagliato solo il fatto di non ricandidarlo a sindaco, non tanto sbagliato smascherare responsabilità politiche di chi ha “protetto” chi ruba palesemente i soldi di tutti noi, cittadini di Tortoreto. Ha tradito i suoi elettori perché per Rolando Papiri la vecchia politica è il PD nato a fine 2007, ma non si è reso conto che è lui che fa vecchia la politica di Tortoreto da 3 anni.

Il segretario

Mauro Di Bonaventura

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'