Martinsicuro senza Bandiera Blu. Elisa Foglia: resa incondizionata, serve il contratto di fiume

La Bandiera Blu per il quarto anno consecutivo non sventolerà sulla spiaggia di Martinsicuro.

 

Una sorta di bocciatura già prevista, anche in considerazione di quelle che restano alcune criticità di matrice ambientale alle quali bisognerà dare ulteriori risposte. Anche perché l’Ente aveva deciso di non avanzare nemmeno la documentazione.

 

Il tema diventa confronto anche di campagna elettorale alle luce delle considerazioni avanzate da Elisa Foglia, candidata sindaca per il Pd e il gruppo #Sicambia.

 

 

“Oggi la Fee ha assegnato le Bandiere Blu 2017″, sottolinea Elisa Foglia,  “e per il quarto anno consecutivo, Martinsicuro non è tra i Comuni premiati. Una sconfitta per il nostro paese che paga, a caro prezzo, anni di politiche inadeguate per la salvaguardia del nostro ambiente e per la valorizzazione delle nostre spiagge. Non solo: la mancata presentazione della domanda, per il conseguimento del vessillo, mostra la resa incondizionata dell’amministrazione Camaioni nel raggiungimento dell’obiettivo. Decidendo di non partecipare, il nostro paese ha già perso in partenza. E questo Martinsicuro non lo merita.

Con il Pd e il gruppo #Sicambia Martinsicuro e Villa Rosa lavoreremo per riportare la Bandiera Blu sulle nostre spiagge: oltre a sollecitare l’approvazione del “Contratto di Fiume” per il monitoraggio del Vibrata condiviso con tutti i Comuni interessati e con gli enti competenti, ci impegneremo ad avviare tutte quelle politiche ambientali e turistiche che sono necessarie alla vocazione ecosostenibile del nostro territorio e al conseguimento del vessillo”.