Montorio, tessere del Pd “atipiche”: la denuncia del segretario comunale

Una sessantina di tessere in tutto, senza firma del segretario comunale, con nominativi di persone in palese opposizione al Partito Democratico. L’allarme sulle irregolarità relative alla campagna tesseramenti del Pd a Montorio arriva dallo stesso segretario comunale, Vincenzo Macedone, che, prendendo le distanze dall’accaduto, ha già avvisato della questione gli organi di garanzia provinciali, regionali e nazionali, con lo stesso presidente Matteo Orfini.

La sezione provinciale del Pd”, spiega Macedone, “mi ha comunicato la presenza di sessanta tessere in più rispetto a quelle sottoscritte e firmate da me. Tali tessere sono state compilate da soggetti a noi al momento ignoti, ed in modo certamente al di fuori delle regole stabilite dallo statuto in merito al tesseramento”.

Dal controllo effettuato, inoltre, il segretario conferma che alcuni nominativi sono riferiti a persone che di certo non appoggiano il Pd, mentre altri sono intestati a soggetti che risiedono fuori dal territorio comunale. Un tesseramento, dunque, “evidentemente manipolato e non conforme al codice etico del partito”, che quindi non può essere accettato.

E, confermando la propria posizione in linea con quella del Partito, Macedone ribadisce massima “apertura a tutti i cittadini che consapevolmente e volontariamente richiedono personalmente la tessera, nei modi stabiliti, direttamente al segretario di Circolo o suo delegato”, annunciando di non volersi fermare fino a quando “non avrò i nomi dei responsabili di questa brutta situazione”.